Quantcast

Basket: Fileni BPA, al peggio non c'è mai fine

Fileni - Scafati 4' di lettura 10/01/2013 - Chi pensava di aver visto la peggiore Fileni BPA di stagione, domenica scorsa contro Ferentino, si è dovuto ricredere. Contro Scafati, quella squadra che sembrava poter entrare sull’ascensore che la potesse portare qualche piano più in alto nella classifica della Legadue, è caduta rovinosamente per le scale, rischiando di precipitare nel più buio dei sottoscala.

A Scafati è bastato giocare probabilmente al 50% delle sue potenzialità, per vincere la partita e ipotecare la Final Four di Coppa Italia. Il predicozzo di coach Cioppi evidentemente non è stato abbastanza per stimolare una squadra anche stavolta inaspettatamente molle e a tratti svogliata, per niente stimolata dalla possibilità di conquistare la fase finale di Coppa. Anche stavolta, come 3 giorni prima, la squadra ha smesso di difendere; nessuno è sembrato in grado di tenere gli uno contro uno avversari, ma almeno, che diamine, un po’ di impegno nel portare gli aiuti: invece no, Mays, Bushati e Ghiacci hanno sempre trovato autostrade. E che dire di quello che domenica scorsa veniva indicato come il tallone d’Achille della squadra, il contributo modesto fornito dal play Sanders? Che colpa ne ha, Sanders, se Valentini smette di difendere, se Hoover si fa cacciare fuori per un assurdo fallo antisportivo, se Santiangeli gioca la sua peggiore partita della stagione, se Griffin alterna cose egregie a inutili mezze zuffe con gli avversari. Ma se anche il play titolare è da considerare sotto esame, beh, allora tanto vale guardarsi intorno, anche se poi, a conti fatti – qui la presenza di coach Bartocci mi offre uno spunto – ne abbiamo visti di peggiori qui a Jesi, tipo Strickland e Shannon, e con un po’ di memoria e fantasia questa lista potrebbe allungarsi. Cioppi inizia il match con Maggioli, Hoover, Valentini, Griffin, Sanders, mentre Bartocci propone Mays, Porta, Baldassarre, Ghiacci, Slay.

Difese morbide nella parte iniziale del primo parziale. Non sono certo i ritmi di una gara di campionato. Parte meglio la squadra di casa, che sembra più diligente nel cercare il gioco di squadra; per lo meno non si vedono gli eccessi di tre giorni prima. Scafati impiega quasi tutto il periodo per capire che forse vale la pena di giocare per evitare la figuraccia, e dopo il -9 a 1’52”, segna tre subito canestri di fila, portandosi sul 20-23 di fine periodo. Il secondo quarto è ancor più modesto del precedente, vissuto punto a punto, ma con parecchi errori da parte delle due squadre. Scintille a metà quarto, tra Griffin e Tavernari: Griffin ci va pesante sul contropiede dell’avversario e si becca un antisportivo che non fa una grinza; Tavernari al contrario si becca un fallo tecnico per le inutili proteste. Un attimo prima la squadra di Bartocci aveva trovato il primo vantaggio del match, 26-27 a 5’38”. Complice una colpevole disattenzione della difesa jesina, nell’azione successiva Scafati tocca il +4, grazie ad una tripla di Tavernari. Squadre al riposo sul 35-35. Il terzo quarto è il quarto di Ghiacci, che mette a segno nove dei diciannove punti di Scafati, imperversando contro una difesa di burro. Jesi fa quel che può per rimanere in linea di galleggiamento, ma la squadra di Bartocci lascia intuire di essere già padrona del match. Scafati pesca risorse anche dalla panchina, Bushati, dimenticato a lungo dal tecnico ospite, fa le cose migliori per i suoi, e quando la Fileni tenta, per lo meno di limitare i danni, per arrivare a gara 2 con il minimo passivo possibile, Slay mostra i muscoli e comincia a scrivere i titoli di coda. Finisce 77-66, con Scafati che ha già un piede in Final Four. Dall’altra parte Cioppi non può far altro che raccogliere i cocci e cercare di ricomporre, prima possibile quel mosaico che sembrava perfetto, dopo i due successi, con Pistoia e Trento. Senza perdere altro tempo, prima di finire anche lui sotto esame.

FILENI BPA – GIVOVA SCAFATI 66-77

Fileni BPA Jesi: Colonnelli 3, Maggioli 23, Battisti n.e., Hoover 6, Valentini 4, Bargnesi n.e., Gaspardo, Zanelli 8, Griffin 15, Sanders 7, Santiangeli, Dolic n.e.. All.: Cioppi.

Givova Scafati: Mays 7, Porta, Bushati 13, Martone n.e., Tavernari 14, Maisano n.e., Baldassarre 4, Izzo, Sorrentino n.e., Rosignoli 6, Ghiacci 17, Slay 16. All.: Bartocci.

Arbitri: Caroti, Di Toro, Cherbaucich.
Parziali: 23-20; 12-15; 18-19; 13-23
Spettatori: 1216








Questo è un articolo pubblicato il 10-01-2013 alle 08:53 sul giornale del 11 gennaio 2013 - 1394 letture

In questo articolo si parla di sport

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/H4u