Quantcast

Rivoluzione civile: cosa succede in Banca Marche?

Rivoluzione Civile di Antonio Ingroia 2' di lettura 27/01/2013 - Il declassamento che le agenzie di rating hanno annunciato per Banca Marche non è certo una notizia, da tempo l'istituto era in evidente sofferenza e la sostituzione del direttore generale Bianconi, fino all'ultimo omaggiato in tutti i modi dalla politica regionale e “compreso” dalle organizzazioni sindacali di categoria, non era sicuramente una scelta di routine, lo testimoniano i “licenziamenti” odierni di tre vicedirettori.

Non sarà come lo scandalo Monte dei Paschi ma nel suo piccolo rappresenta per l'economia regionale e per la vallesina in particolare, un ulteriore grave problema che andrebbe affrontato indagando a fondo sul ruolo e la responsabilità della Fondazione e, a salire, delle istituzioni locali che ne hanno espresso i membri. Le imprese che in questi mesi si sono viste negare fiducia e credito, le migliaia che hanno perso il lavoro a seguito di queste scelte, hanno il diritto di chiederne conto e di vedere accertate le responsabilità.

Da tempo si conoscevano i risultati dell'ispezione della Banca d’Italia, da tempo i più importanti quotidiani economici nazionali avevano pubblicato inchieste dettagliate e preoccupanti che l'establishment locale e in particolare la politica regionale, giunta Spacca in testa, si sono invece premurati di minimizzare se non di silenziare.

Già domani nella nostra regione e in Ancona le centrali dell' associazionismo artigiano e del commercio si riuniscono a riflettere sulla crisi, sarebbe auspicabile che invece di trasformarsi in uno spot elettorale per qualche candidato ci si occupasse di questo tema con senso di autocritica e impegno di proposta.

Rivoluzione Civile, che per parte di molte delle sue componenti ha già dedicato iniziativa sul tema, si impegnerà già nei prossimi giorni a fornire all'opinione pubblica elementi di conoscenza e di giudizio.


da Coordinamento di Rivoluzione Civile
di Chiaravalle e della Bassa Vallesina





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-01-2013 alle 14:18 sul giornale del 28 gennaio 2013 - 4271 letture

In questo articolo si parla di economia, Antonio Ingroia, rivoluzione civile

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/IHO