x

SEI IN > VIVERE JESI > ATTUALITA'
comunicato stampa

Monte San Vito: Cillo “Fallimento Bagherra. Fuori le responsabilità!”

2' di lettura
1922

da Thomas Cillo
Capogruppo Pdl di Monte San Vito


Thomas Cillo

A seguito delle notizie apparse in questi giorni sui quotidiani locali, circa il dichiarato fallimento della ditta monsanvitese Bagherra Italia srl, intendo fare alcune doverose riflessioni.

Per molto tempo il nostro Consiglio Comunale si è occupato della questione inerente la storica ditta leader nel settore delle materie plastiche. Sin da subito (2009) la situazione apparve difficile ma con il rilevamento da parte dell'attuale dirigenza francese i problemi sembravano essersi risolti.

Poi, complice la nevicata del Febbraio scorso che provocò gravi danni alla struttura, emersero risvolti circa le difficoltà che Bagherra aveva nella prosecuzione della sua attività.

Era appena lo scorso Agosto quando l'Amministrazione Comunale di Monte San Vito per voce del Sindaco Sartini dichiarava che la situazione si era risolta e che i 70 posti di lavoro erano salvi. Ma ai proclami, presto si fece largo la triste realtà.

In tutti questi mesi, sia da parte dell'Amministrazione tutta (maggioranza e minoranze), sia da parte delle organizzazioni sindacali ma soprattutto da parte degli operai, c'è stata la massima disponibilità per rimettere in carreggiata l'azienda. Tutti i soggetti, dalle istituzioni ai lavoratori hanno da sempre dimostrato maturità e serietà permettendo che la situazione non degenerasse MAI.

Ma la reticenza prolungata di alcuni personaggi, mista alla scarsa volontà di voler ritornare a produrre nel sito monsanvitese (complici le favorevoli e più vantaggiose condizioni di mercato che si hanno all'estero), hanno fatto si che si arrivasse a dichiarare ufficialmente il fallimento.

Le risposte che l'azienda, ed in particolare la proprietà hanno fornito in questi mesi, sono state di totale assenteismo alle varie riunioni che si sono succedute, dimostrando scarso interesse per un'efficace e positiva risoluzione della situazione oltre che mancanza di rispetto. Purtroppo adesso arriva la doccia fredda del fallimento.

A questo punto, l'auspicio è che l'azienda possa essere rilevata quanto prima da qualche imprenditore e che quindi i lavoratori possano tornare subito alla produzione. Ribadisco a nome mio e del gruppo che rappresento, la totale solidarietà ai lavoratori e alle loro famiglie, promettendo di non far cadere il problema e di adoperarmi per una pronta ripresa delle attività. Per quanto concerne l'appello lanciato da Lorenzo Pieralisi, mi auguro che non cada nel vuoto e che possa davvero riscontrare interesse, non finalizzato solo al periodo elettorale.


ARGOMENTI


Thomas Cillo

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-01-2013 alle 12:40 sul giornale del 29 gennaio 2013 - 1922 letture