x

SEI IN > VIVERE JESI > ATTUALITA'
comunicato stampa

Giornata della memoria: Pd, “dalla maggioranza attacco strumentale con toni tipici di chi vive momento politico difficile per le contestazioni”

2' di lettura
1198
da Partito Democratico Jesi

partito democratico

Il Partito Democratico ha ricordato gli orrori del nazi – fascismo nella giornata del 27 gennaio 2013, partecipando alle varie iniziative organizzate dallo stesso sul territorio di Jesi e della Vallesina, come lo fa ogni 25 aprile per quanto riguarda il nostro paese e la nostra città.

Ciò in coerenza con la propria identità storica, che affonda le radici nell'antifascismo, nella resistenza e nella lotta di liberazione nazionale verso coloro che hanno difeso la dittatura e ci hanno fatto vivere l'inferno della guerra.

Detto questo ci sembra superfluo rispondere alle insinuazioni di quanto diramato dalle liste Jesiamo, Insieme Civico e dal Patto per Jesi.

Ovviamente non per mancanza di volontà, ma semplicemente per non aprire una polemica sterile su un tema così importante di raccoglimento per qualcosa che è stato e non dovrà più essere, come lo sterminio di tanti civili innocenti.

L'attacco strumentale e voluto dalle civiche si manifesta con toni e forme tipici di chi vive un momento politico difficile, in seguito alle dure contestazioni vissute in questi giorni ad opera dei genitori e dei commercianti della nostra città per le ingiustificate e recenti scelte compiute circa la privatizzazione delle mense scolastiche e l'organizzazione del mercato cittadino.

Tuttavia, pur comprendendo tali difficoltà, non possiamo comunque giustificare reazioni e cadute di stile di cui francamente non si sentiva il bisogno.

Assicuriamo, comunque, che ci faremo portavoci al Governo del paese di questo nuovo sentimento comune che unisce la città verso il ripudio del nazi – fascismo, delle sue politiche, delle sue scelte e dei suoi orrori.

Siamo orgogliosi di questa ritrovata coesione, soprattutto dopo quanto pubblicato da alcuni esponenti della maggioranza consiliare, che hanno visto parole di elogio verso il regime fascista e le riforme da questo attuate nel corso del ventennio più vergognoso della storia d'Italia.

Bene ha fatto il Sindaco a chiedere ai suoi alleati di rimuovere quelle infelici dichiarazioni e ci proponiamo costruttivamente per collaborare con lui per reintrodurre il 6 gennaio la festa dei palloncini in piazza con i bambini della nostra città, al fine di riaffermare con forza i valori della Jesi pacifica e democratica e dei messaggi di speranza dei nostri figli verso il mondo intero.



partito democratico

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-01-2013 alle 14:12 sul giornale del 31 gennaio 2013 - 1198 letture