Quantcast

Maiolati Spontini: al via i lavori per il 2° stralcio del Polo scolastico. La “scuola modello” finisce sul Tg2

Il sindaco con i bambini nell'aula mensa 4' di lettura 06/02/2013 - Ripartono i lavori al Polo scolastico di Moie. Già dalla prossima settimana le ruspe torneranno in azione in via Venezia per completare la scuola primaria “Martin Luther King” con la realizzazione dei 7 laboratori e delle ulteriori aule previste, oltre che di locali seminterrati che saranno adibiti a rimessa automezzi e archivio dell’intero Istituto comprensivo Carlo Urbani. La consegna dei lavori per il secondo stralcio del primo dei tre lotti previsti è avvenuta lunedì 4 febbraio.

Intanto, il caso del Polo scolastico inaugurato a fine ottobre e realizzato coi proventi della discarica ottiene una nuova ribalta nazionale, dopo essere finito in prima pagina su “la Repubblica”, e successivamente essere stato oggetto sia di servizi radiofonici, come quello della trasmissione “Miracolo italiano” di Radio 2, sia televisivi, come la rubrica di approfondimento curata da Paola Saluzzi su Sky Tg 24. Stavolta, ad accendere le telecamere sulla “scuola perfetta” come l’aveva definita “la Repubblica” del 28 novembre scorso, è il Tg2, che questa mattina (mercoledì 6 febbraio) ha realizzato le riprese e le interviste nel plesso di via Venezia, per montarle in un lungo servizio che andrà in onda nei prossimi giorni all’interno del telegiornale di Rai 2, uno dei notiziari nazionali più seguiti.

Non smette di stupire, insomma, il “miracolo della scuola dei sogni costruita con i soldi della discarica”. Ma non solo. Ad attirare l’attenzione dei media nazionali è stata la particolarità, anzi l’unicità, del progetto MICS, l’acronimo che sta per Moie di Maiolati Spontini Istruzione, Cultura e Sport, ovvero l’iniziativa più qualificante e importante della Giunta Carbini. Un piano che presenta con una visione comune e omogenea la zona della cittadina di Moie dove sono previste le principali realtà in tema di Istruzione, Cultura e Sport. Oltre alla scuola, quindi, anche il complesso culturale eFFeMMe23 biblioteca La Fornace, anche questa, fra l’altro, realizzata con i proventi della discarica.

Intanto la scuola modello è una realtà che continua a crescere. Con i nuovi lavori, infatti, oltre alla realizzazione di ulteriori spazi per la didattica e per i servizi, si procederà a una parziale sistemazione dell'area di ingresso e dei parcheggi per favorire la viabilità nei momenti di punta, cioè all’ingresso e all’uscita degli alunni. “Quello attuale – spiega, a tale proposito, il sindaco Giancarlo Carbini – non è nient'altro che l'accesso secondario, di servizio, dell'intero complesso, mentre il vero ingresso è previsto sull'altro lato e sarà collocato al centro tra i due edifici della scuola primaria e della scuola secondaria di secondo grado”.

Il sindaco ci tiene a sottolineare come “anche questa volta è stato un percorso non facile. Dopo lo svolgimento della gara al maggior ribasso che ha visto la partecipazione di 181 aziende da tutta Italia, si è dovuta istituire un’apposita commissione tecnica per vagliare accuratamente le offerte sopra la cosiddetta soglia di anomalia per verificarne la reale sostenibilità. Questo lavoro estremamente accurato e capillare è durato diversi mesi e alla fine ha visto l'assegnazione della gara alla Edilfac, una ditta del territorio, la stessa che ha realizzato il primo stralcio. È anche questo un motivo di soddisfazione non solo perché siamo rimasti soddisfatti della qualità e dei tempi di realizzazione del primo stralcio ma soprattutto perche in questo periodo di grave crisi economica torneranno a lavorare per il nostro Comune ditte e lavoratori della nostra zona. È stato già fatto in Comune il punto sulla situazione con i progettisti e con tutta la struttura comunale, che ha brillantemente operato per raggiungere il primo traguardo sospirato dell'inaugurazione della scuola primaria, e sono state recepite le istanze emerse proprio durante il primo stralcio e dai primi mesi di utilizzo pratico da parte dell'Istituto”.

Una riunione dalla quale “è emersa una chiara indicazione e ferma volontà di proseguire – fa sapere il sindaco Carbini – con lo standard di qualità che è stato alla base dei lavori del primo stralcio e che hanno riscontrato il netto favore non solo degli addetti ai lavori ma soprattutto dei veri protagonisti e destinatari della struttura: gli alunni e il persone della scuola, oltre che dei genitori”.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-02-2013 alle 15:25 sul giornale del 07 febbraio 2013 - 2334 letture

In questo articolo si parla di attualità, comune di maiolati spontini, Maiolati Spontini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/I6X





logoEV
logoEV