Quantcast

Il punto di vista del Pd su ambiente, elettrodotto, fondi per il rilancio, liceo sportivo e bilancio 2013

Matteo Marasca 3' di lettura 08/02/2013 - La Commissione Consiliare Comunale in materia ambientale è ancora ferma al palo per il mancato accordo, tra maggioranza consiliare e Movimento 5 Stelle, sulla Presidenza al Consigliere Comunale Massimo Gianangeli.

Nel frattempo apprendiamo con soddisfazione un'importante iniziativa assunta dal Consiglio Regionale delle Marche e dai consiglieri regionali del Partito Democratico, ovvero la risoluzione, votata all'unanimità, con la quale viene dato mandato alla Giunta regionale di sospendere la procedura avviata per realizzare il nuovo elettrodotto ad alta tensione FANO – TERAMO e ad individuare un nuovo e condiviso tracciato che sia frutto di concertazione con tutto il territorio interessato.

Una decisione che va incontro alle esigenze di quei cittadini che con preoccupazione in campagna elettorale avevano palesato disagio e contrarietà per le modalità e il tracciato dello stesso, in particolare in frazione “Mazzangrugno”.

Inoltre, è con soddisfazione che rileviamo il fatto di come l'ASUR e la Regione Marche stiano rispettando gli impegni presi in Consiglio Comunale circa lo sviluppo dei lavori presso l'ospedale “Carlo Urbani” e il suo completamento entro il 2013.

Non solo, ma abbiamo condiviso l'auspicata nuova nomina del primario di cardiologia dott. Carlo Costantini, riconoscendo la sua esperienza professionale presso l'ospedale regionale di Torrette e la volontà della Regione Marche di qualificare e potenziare le strutture locali a scapito di chi ne lamenta un loro depotenziamento.

Non rimane che cogliere, infine, le occasioni che l'ente sovra locale ha messo a disposizione su due aspetti cruciali nel panorama economico regionale e locale: il lavoro e l'occupazione; le risorse degli enti locali.

Per quanto riguarda il primo è da apprendere con favore il recente accordo tra la Regione Marche e le parti sociali del 19 dicembre 2012, sottoscritto con l'obiettivo di difendere l'occupazione e la coesione sociale e, contemporaneamente, allo scopo di indicare alcune priorità per la fuoriuscita dalla crisi e per il sostegno allo sviluppo. Le risorse predisposte sono di notevole rilievo: ben €13.400.000,00.

Per quanto riguarda il secondo punto, è da utilizzare con intelligenza l'erogazione dei fondi di solidarietà verticale che porteranno a Jesi ben 1,2 milioni di euro per il pagamento delle forniture di beni e servizi, consentendo all'amministrazione locale di rispondere ai ritardi, anche di due anni, dovuti all’impossibilità di spendere, a seguito dei vincoli posti dal patto di stabilità nazionale.

In conclusione, sarà nostro impegno verificare, in collaborazione con l'Amministrazione Comunale, che anche Jesi abbia il c.d. “liceo sportivo”, posticipato di un anno rispetto alle previsioni iniziali.

Nonostante le scelte centrali di rinvio, stigmatizzate dal gruppo comunale e regionale del Partito Democratico, crediamo che ci siano ancora buone possibilità di avere il corso a Jesi entro il 2015.

Sin da ora, nella prospettiva del bilancio di previsione 2013, si annuncia che saremo determinati nel pretendere l'accettazione, anche parziale, del pacchetto di iniziative per il rilancio dei consumi e dello sviluppo economico sostenibile presentato nel corso del Consiglio Comunale “aperto” del 11 gennaio 2013, sintetizzato in “14 punti”.

In tale sede, occorrerà porre attenzione anche alla manutenzione dei quartieri popolari e periferici della città, in forte sofferenza dal punto di vista infrastrutturale, e sul mantenimento dell'offerta sociale comunale a favore delle fasce deboli della popolazione.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-02-2013 alle 18:10 sul giornale del 09 febbraio 2013 - 1376 letture

In questo articolo si parla di attualità

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/Jdq





logoEV
logoEV