Quantcast

Maiolati Spontini: colleziona raffica di denunce in pochi giorni finché viene arrestato in flagranza di reato

L'uomo violento arrestato a Moie 2' di lettura 13/02/2013 - Era già noto alle forze dell’ordine K.D.T., avendo numerosi precedenti ed essendo stato già arrestato numerose volte, nato in Polonia, classe 1985, residente a Moie di Maiolati Spontini.

Martedì 12, nel tardo pomeriggio, l’uomo, è stato nuovamente tratto in arresto in flagranza di reato per maltrattamenti in famiglia. A chiedere l’intervento dei Carabinieri della Stazione di Moie è stato il fratello convivente K.P.L., che sarebbe stato minacciato di morte dall’uomo che gli avrebbe puntato in faccia un coltello con lama d’acciaio di 25 cm. Ritrovato dai militari intervenuti nell’immediata disponibilità dell’aggressore.

Nei confronti di K.D.T., poche ore prima, nella mattinata dello stesso giorno, i militari avevano proceduto, a seguito delle indagini relative alla denuncia presentata dalla madre K.B.M., ad una segnalazione in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria per il reato di maltrattamenti in famiglia in quanto da circa tre mesi assumeva comportamenti aggressivi e violenti nei confronti della madre stessa e del fratello.

Ma i guai per l’uomo non sono finiti qui perché il giorno successivo sempre i militari della Stazione di Moie, a conclusione delle indagini, hanno deferito K.D.T. all’Autorità Giudiziaria per il reato di violenza sessuale. Quest’accusa si riferisce ad episodi risalenti all’8 febbraio quando l’uomo avrebbe, prima nei pressi di una fermata autobus in via Risorgimento a Moie, e poi nei pressi di un bar, in due diverse occasioni, a breve distanza di tempo l’una dall’altra, avvicinato M.G., classe 1997, e D.L., cittadina di origine rumena, classe 1953, e, proferendo nei loro confronti frasi oscene e afferrandole per una spalla, le avrebbe invitate a seguirle presso la sua abitazione per consumare dei rapporti sessuali.

K.D.T. si trova ora presso il carcere di Montacuto a disposizione del Sostituto di turno presso la Procura della Repubblica di Ancona, dott.ssa Mariangela Farneti, in attesa di essere interrogato dal G.I.P. per la successiva convalida dell’arresto.








Questo è un articolo pubblicato il 13-02-2013 alle 22:43 sul giornale del 14 febbraio 2013 - 1972 letture

In questo articolo si parla di attualità, Maiolati Spontini, paolo picci

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/JrW





logoEV
logoEV