x

SEI IN > VIVERE JESI > CULTURA
comunicato stampa

Quattro scrittrici raccontano “Quello che le donne non dicono” al supermercato Coop dal 15 febbraio all’8 marzo

3' di lettura
2050
da Coop Adriatica

Venerdì alle 17 il primo degli incontri dedicati al mondo femminile, si parte da Laura Moll con Sara Giannini, assessore regionale alle Pari opportunità, il sindaco Massimo Bacci, e Giovanni Monti, vicepresidente di Coop Adriatica.

Raccontare le donne, attraverso la voce e l’immaginazione delle scrittrici, in un luogo simbolo della loro vita quotidiana: il supermercato. E’ questo il singolare scenario della rassegna dal titolo “Quello che le donne non dicono”: quattro incontri culturali a ingresso libero, con cadenza settimanale, che fino all’8 marzo animeranno la Sala eventi sociali del negozio Coop di Jesi, in via Gallodoro 72. Le voci di altrettante scrittrici racconteranno la vita delle donne nella storia, anche in quella marchigiana, attraverso storie di amore e abbandono, lavoro e famiglia. La piccola kermesse, che porta la letteratura in uno spazio inconsueto, è stata ideata dalle scrittici Laura Moll e Nadia Diotallevi, con la collaborazione dei Soci volontari di Coop Adriatica e il patrocinio del Comune, della Regione Marche e di Legacoop Marche. Il primo appuntamento è per venerdì 15 febbraio alle 17: ad aprire la rassegna i saluti dell’assessore regionale alle Pari opportunità, Sara Giannini, il sindaco Massimo Bacci, il vicepresidente di Coop Adriatica Giovanni Monti, e in rappresentanza dei soci Coop, la presidente di Distretto Maria Luisa Ciarrocchi. Alle 17,30 la scrittrice Laura Moll leggerà alcune pagine del suo libro “Il fiume” per conversare sul ruolo della donna nella famiglia e nella società in epoche differenti; dalla vita silenziosa delle donne destinate dai padri al matrimonio o al convento, fino alla condizione femminile dei nostri giorni, passando per il Ventennio e per i traguardi raggiunti dai movimenti di emancipazione degli anni ’70 e ’80. Al termine dell’appuntamento sarà offerto un rinfresco a base di prodotti tipici e locali in collaborazione con Azienda biologica Fileni, Vini Moncaro, Panificio Gastrighini, e Salumificio di Genga. Il 22 febbraio alle 17,30, Alessandra Montali con il suo testo “Voglia di fragola” rifletterà con il pubblico sul modo in cui le donne vivono l’amore, l’abbandono, l’amicizia tra loro e la ricerca di sé stesse. Grazia Magrini, all’appuntamento del 1° marzo alle 17,30, illustrerà la condizione femminile nelle Marche dell’800, nei ceti nobili e in quelli contadini, oltre che il lungo cammino verso ruoli nuovi partendo dal suo scritto “Le rondini volano alte nel cielo libere”. A chiudere la rassegna l’8 marzo, Festa della donna, l’appuntamento con Nadia Diotallevi: all’incontro delle 17,30 la scrittrice dialogherà sui temi della violenza psicologica, della dipendenza affettiva e della crescita personale, prendendo spunto dalle pagine del suo libro “Attesa e desiderio. Anime gemelle”.

Gli incontri culturali alla Coop di Jesi rientrano tra le iniziative che la Cooperativa realizza e sostiene in favore delle donne, contro le discriminazioni, i maltrattamenti e la violenza di genere. La Cooperativa stessa è un’azienda in “rosa”: nella sua rete di 176 punti vendita, 18 ipercoop e 158 supermercati, in Emilia-Romagna, Veneto, Marche e Abruzzo, sono occupate oltre 9.100 persone, per il 93,4% con un contratto a tempo indeterminato, ed il 75,3% è donna. Anche il Consiglio di amministrazione ha una maggioranza femminile - 15 donne su 25 membri - e nel vertice aziendale sono donne 4 dirigenti su 12, ed il 38% dei dipendenti con incarichi di responsabilità. Coop Adriatica infatti non solo tutela i diritti dei lavoratori e delle lavoratrici, ma attua da anni politiche di valorizzazione del potenziale, per le pari opportunità di genere e la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-02-2013 alle 00:33 sul giornale del 15 febbraio 2013 - 2050 letture