Quantcast

Calcio: la Jesina sigla un facile poker contro il Marino

Alessandro Gabrielloni ha appena scoccato il tiro del 4-1 3' di lettura 17/02/2013 - Bottino pieno nella partita più facile, almeno sulla carta, contro un Città di Marino, ancora non condannato dalla matematica, ma indiscutibilmente avviato verso un immediato ritorno in Eccellenza. Un bilancio sin qui fallimentare: cinque allenatori utilizzati, 54 reti subite, 4 sole vittorie contro 16 sconfitte.

Alla vigilia del match, per la Jesina si era parlato più del rischio di affrontare il match con superficialità che della forza dell’avversaria; la squadra di Amaolo è stata brava a scendere in campo con il giusto piglio, prendendo subito in mano il gioco, finendo però con il complicarsi un po’ la vita, dopo l’1-0. Per il resto non c’è stata storia, il Marino ci ha messo tutto l’impegno possibile, forte della sua giovanile energia, ma non è bastato contro una squadra assai più scafata ed esperta.

Sin dal calcio d’inizio la Jesina prova a prendere in mano il gioco; la squadra ospite fatica un po’ a prendere le misure ed i leoncelli sono bravi a premere sull’acceleratore, creando spazi sulle fasce laterali, con Sartori e N. Cardinali.

Già al 1’ difesa ospite in ambasce, Strappini trova il tempo per andare alla conclusione, ma conclude debolmente senza inquadrare la porta.

I leoncelli trovano il vantaggio all’ 8’: T. Gabrielloni è bravo a conquistare un calcio di punizione a pochi metri dall’area di rigore ospite. Tocco corto di Rossini per Stefanelli, che batte Luciani.

La partita si mette subito male per la squadra di Mariani che tra l’altro al 14’ perde il portiere titolare Luciani per problemi muscolari, sostituito da Striano.

Al 17’ il libero ospite Noviello, per anticipare Stefanelli, rischia l’autogol, Striano riesce a respingere di piede.

Al 26’ N. Cardinali, in sospetta posizione di off-side vola verso l’area ospite, ma spara alle stelle un apllone difficile, ma non impossibile.

Il Città di Marino, pur in tutta la sua modestia e inesperienza, non se ne sta a guardare e riesce a riorganizzarsi, grazie soprattutto alla verve di Casimirri e Jimenez e trova la rete del pari al 33’, con la chiara complicità di una retroguardia locale impreparata. E’ Esposito a sfruttare, di testa, il calcio di punizione di Jimenez.

Dopo qualche brivido su un cross di Casimirri al 38’, con la difesa locale ancora incerta, la squadra di Amaolo ritrova il vantaggio, ma il Città di Marino deve fare mea culpa per la sua ingenuità. Accade infatti che Marotta recupera di forza un pallone nel cerchio di metà campo, un paio di avversari si attardano a protestare nei confronti dell’arbitro Meleleo, in una manciata di secondi la palla è già in area laziale: N. Cardinali pennella per Stefanelli che trova la doppietta.

E’ ancora prematuro pensarlo, ma è l’epilogo del match; nella ripresa la reazione del Città di Marino non arriva, la Jesina riesce a dettare i ritmi prendendo pieno controllo del gioco, trovando già al 7’ la rete della sicurezza con T. Gabrielloni, che sfrutta l’invito di Sartori dalla linea di fondo.

Al 44’ è il fratello Alessandro, di ritorno dal Torneo di Viareggio, a confezionare il 4-1, rubando palla sulla tre quarti; per Striano non c’è scampo.

JESINA-CITTA’ DI MARINO 4-1

Jesina: Tavoni, Campana, Sartori; Strappini, Tafani, Marotta; N. Cardinali (19’ st Frulla), Sebastianelli, Stefanelli, Rossini (30’ st M. Cardinali), T. Gabrielloni (39’ st A. Gabrielloni). All.: Amaolo.

Città di Marino: Luciani (14’ pt Striano), Congiu, Esposito; Langella, Scarlato, Noviello (37’ st Saccavino); Ciaramelletti (19’ st Tomassoni), Jimenez, Singleton, Casimirri, Arcobelli. All.: Mariani.

Arbitro: Meleleo di Casarano.

Reti: Stefanelli 8’ pt, Esposito 34’ pt, Stefanelli 40’ pt, T. Gabrielloni 7’ st, A. Gabrielloni 44’ st

Note: spettatori 400 circa; ammoniti Jimenez 41’ pt, Tafani 14’ st, Marotta 23’ st, Esposito 35’ st.

Angoli: 2-6








Questo è un articolo pubblicato il 17-02-2013 alle 18:11 sul giornale del 18 febbraio 2013 - 1304 letture

In questo articolo si parla di sport

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/JB0





logoEV
logoEV