contatori statistiche

Maiolati Spontini: uno spettacolo dedicato a Alda Merini segna il ritorno della rassegna “La centralità della questione di genere: umano vs disumano”

biblioteca La Fornace 2' di lettura 13/03/2013 - Un tributo ad Alda Merini, scomparsa nel 2009 e considerata la più grande poetessa italiana degli ultimi decenni, è l’iniziativa scelta dall’assessorato alle Politiche sociali del Comune per il nuovo appuntamento della rassegna dal titolo “La centralità della questione di genere”, in programma alla biblioteca La Fornace di Moie. La seconda edizione del progetto, realizzato in collaborazione con la Provincia di Ancona, ha come tema “Umano vs disumano”.

Tre gli eventi in calendario. Dopo il dibattito sull’esperienza dei centri antiviolenza, dello scorso dicembre, la rassegna torna venerdì 15 marzo, alle ore 21, con lo spettacolo dal titolo “Alda Merini. I beati anni dell’innocenza”. A presentare la performance, “Rovine Circolari” e “Teatro Manet”, mentre lo spettacolo è scritto e diretto da Antonio Lovascio ed interpretato dall’attrice Isabella Carloni, che ha lavorato con molti protagonisti della scena contemporanea sia in Italia che all’estero, da Carlo Cecchi a Toni Servillo a teatro, ma anche in televisione, in fiction come La Squadra e Nebbie e delitti. Un appuntamento, insomma, di grande qualità e interesse, reso ancora più originale e suggestivo grazie alla contaminazione di varie arti, visto che le scenografie sono state realizzate dal grande pittore ed artista marchigiano Bruno D’Arcevia.

“Siamo molto orgogliosi di proporre questo nuovo appuntamento alla biblioteca La Fornace – spiega l’assessore comunale ai Servizi sociali Fabiana Piergigli – e siamo soddisfatti della sensibilità dimostrata finora dai cittadini verso le tematiche delle questioni di genere al centro della rassegna. Argomenti, quelli della discriminazione e della violenza nei confronti delle donne, che l’Amministrazione comunale ritiene importante trattare, visto che i dati dicono che nella nostra regione il 34.4 per cento delle donne ha subito violenza fisica o sessuale, dall’ex partner o da persona di famiglia. Beh, vogliamo riflettere su questo, anche attraverso il veicolo dell’arte, come si propone l’appuntamento dedicato alla poetessa Alda Merini”.

Il progetto sulla centralità della questione di genere è nato da un ordine del giorno del Consiglio comunale, che l’Amministrazione ha tradotto in iniziative concrete.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-03-2013 alle 16:44 sul giornale del 14 marzo 2013 - 1231 letture

In questo articolo si parla di cultura, comune di maiolati spontini, Maiolati Spontini, biblioteca la fornace

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/Kx4





logoEV
logoEV