contatori statistiche

Chiaravalle: Fenucci, “non pretendo ruoli strategici, ma ritengo di aver esperienza e competenze per la rinascita della città”

Gianluca Fenucci 2' di lettura 16/03/2013 - La campagna elettorale a Chiaravalle ha risentito del fatto che ci sono state le elezioni politiche nazionali e molti non volevano esporsi prima di quella data, così che ad un mese dalla presentazione delle liste nessuno ha proposto idee e programmi.

In diversi cercano alleanze ed anche di capire gli umori dei cittadini chiaravallesi ma per far questo il modo migliore è coinvolgere davvero la gente in modo che la partecipazione dei cittadini sia attiva ed il più possibile ampia: solo ascoltando le persone si possono stilare i punti salienti di un programma che deve per forza essere mirato e concreto visto che le finanze comunali non sono certo in buono stato.

Personalmente da almeno due anni sostengo che la soluzione della lista civica trasversale è l’unica che può dare risposte e soluzioni ai cittadini ed è l’unica alternativa ad un malgoverno PCI-PDS-DS-PD durato lustri e che ha causato un declino preoccupante della città. Ma è necessario che tutti coloro che vogliono far parte della lista civica facciano un passo indietro, lasciando simboli ed ideologie a casa: contano le idee ed i progetti per la città, i problemi non sono di destra o di sinistra; la gente ne ha piene le tasche dei politici “tuttologi” e di chi discute solo tra le segreterie dei partiti, di chi è catapultato dall’alto o di chi governa il Comune da dentro il palazzo senza scendere per strada, senza confrontarsi con i cittadini, con le associazioni, con le categorie, con chi vorrebbe vivere appieno Chiaravalle senza accontentarsi di sopravvivere in una città dormitorio.

Non rinnego di certo ciò che ho fatto nei miei 5 anni da capogruppo anche perché abbiamo svolto un’attività importante di controllo e proposizione come si dovrebbe fare dall’opposizione. Sono disponibile a lavorare per un’alternativa, non pretendo di avere alcun ruolo strategico ma ritengo di avere sufficiente esperienza e competenze da mettere a disposizione per la rinascita della città dove sono nato ed in cui vivo. In particolare i “grillini”, visto il successo nazionale, sono da tenere in considerazione e bisogna dialogare con loro cercando anche di coinvolgerli in un progetto trasversale. Ci sono persone che hanno votato M5S che stimo e che sono stanche, come me, della politica vecchia e clientelare. Ma i “grillini” devono capire che a Chiaravalle si vota in turno unico: correndo divisi non hanno speranze di vincere mentre mettendo a disposizione le loro idee e le loro risorse umane in una lista civica comune e trasversale potrebbero incidere sul governo della città: non è questione di poltrone ma di volere un futuro diverso e migliore per Chiaravalle.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-03-2013 alle 12:07 sul giornale del 18 marzo 2013 - 2195 letture

In questo articolo si parla di attualità, gianluca fenucci

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/KGG