contatori statistiche

Lettere: Chiaravalle, perché proprio il Movimento?

Lettere 3' di lettura 20/03/2013 - Dicono, perché ti sei schierata dalla parte del Movimento a 5 stelle? Voglio dare una risposta a tutti quelli che mi, e non, conoscono.

Per una come me, una normale, una che la politica l’ha sempre solo vista passare sotto il suo naso, che la leggeva nei quotidiani (qualche volta non capendoci molto), ma che vive in questa città da 30 anni e che in questi 30 anni di cose fatte e non fatte ne ha viste tante, non ci sarebbe stata voce.

Il Movimento mi ha dato una voce, ha dato una possibilità a tutti quei cittadini stanchi dei poteri politici e delle situazioni immutabili. Ha dato voce alle lamentele, alle idee, senza fare distinzione di razza,religione, rango e cultura.

Ci ha dato la possibilità di dire la nostra, di trovare soluzioni, di cooperare uniti per un futuro migliore.

In questi lunghi anni di politica sbagliata e spesso distratta, sono stati chiesti ai cittadini troppi sacrifici, troppe rinunce. Arranchiamo nel buio, strozzati dalle tasse, dai debiti, con salari minimi e bocche da sfamare. I tagli, le mancanze, la disoccupazione … i nostri giovani, speranza e futuro si ritrovano demoralizzati, come sconfitti, mentre appare sempre più incerta la situazione del paese.

Si chiama insicurezza, quella sensazione che fa tremare la terra sotto i nostri piedi e i sogni nei nostri cuori, maledetta insicurezza che pervade le vene, sale fino alla gola e non ti fa più respirare.

Ho scelto il Movimento 5 stelle, per poter gridare BASTA! Basta con i finanziamenti ai partiti, basta con i super stipendi da politici, basta con i vitalizi, con le auto blu, verdi è gialle, pigliate l’autobus come i cittadini normali! Non si possono chiedere sacrifici ai cittadini se non si da il buon esempio. Non si può togliere l’aria ed il pane ad un popolo, perché il popolo muore, soccombe e senza il popolo, care amate forze politiche voi NON ESISTETE. Chi non tiene alla salute e al benessere dei propri cittadini NON merita di stare al potere.

Io sono una ragazza normale, la vicina della porta accanto, sono la figlia, la sorella, la moglie e la madre, sono un’amica per molti e una semplice donna per altri, ma ci sono. Vivo. E in me vivono speranze, sogni, passioni. Ci sono e insieme a me ci sono milioni di cittadini stremati che vi hanno votato, che hanno riposto le loro speranze in voi. Ed ora? Ed ora con il cuore pieno di lacrime e di rancore voglio dirvi l’ultima cosa. Ho votato il Movimento 5 Stelle, io sono il Movimento 5 stelle, perché potrete toglierci tutto ma la dignità e la forza di lottare quella MAI.

Antonella Vichi






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-03-2013 alle 17:02 sul giornale del 21 marzo 2013 - 1958 letture

In questo articolo si parla di attualità, lettere al giornale

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/KQr