Quantcast

Maiolati Spontini: entro aprile pronta via Cornacchia realizzata con una tecnica innovativa

Lavori in via Cornacchia a Moie 2' di lettura 03/04/2013 - Entro aprile riaprirà il primo tratto di via Cornacchia, la strada che porta alla omonima discarica, realizzata con un intervento innovativo e all’avanguardia, anche per il rispetto dell’ambiente. L’opera è stata finanziata per il 90 per cento dal Comune e per il 10 per cento dalla Sogenus Spa, per un importo complessivo di 700 mila euro.

“I lavori rivestono particolare rilievo – spiegano il sindaco Giancarlo Carbini e l’assessore ai Lavori pubblici Umberto Domizioli – perché consentiranno un transito più agevole a tutto il traffico di via Cornacchia, oltre che ai mezzi pesanti diretti all’impianto di smaltimento dei rifiuti. Si tratta di opere necessarie anche per lo stato precario delle due strade. L’intervento è appena iniziato e che si concluderà nel giro di due mesi. Il progetto, la gara di appalto e la direzione dei lavori sono a cura del Provveditorato interregionale Opere pubbliche Emilia Romagna e Marche, a seguito di un interessante accordo tra quest’ultimo, la società Sogenus Spa, che gestisce la discarica, e il nostro Comune”. La gara è stata effettuata con la procedura dell’offerta economicamente più vantaggiosa, che consente di valutare delle migliorie nella realizzazione del progetto. In questo caso, la ditta vincitrice ha offerto una nuova tecnologia di pavimentazione stradale, chiamata “riciclaggio a freddo sul posto”. Una tecnica innovativa, quella proposta dall’impresa “Mariotti costruzioni” di Arcevia, che si è aggiudicata la gara, nata nel nord Europa e da pochi anni utilizzata anche in Italia, soprattutto su cantieri autostradali.

La tecnica consiste nel riutilizzare il materiale asportato dalla strada da rifare, con il quale si realizza una miscela, tramite aggiunta di cemento e acqua, che viene impiegata, al momento, per il nuovo fondo stradale. “I vantaggi di questa tecnologia – spiegano il sindaco Carbini e l’assessore ai Lavori pubblici Domizioli – sono molteplici. I più importanti sono che si evita lo smaltimento del materiale fresato e che si ottiene un incremento della resistenza pari al 150 per cento rispetto al fondo tradizionale. Il fatto di eliminare lo smaltimento del vecchio asfalto ha anche il vantaggio di dimezzare i tempi di realizzazione dell’opera. Ma non solo. Il riciclaggio delle pavimentazioni bituminose è un procedimento che si sta diffondendo in tutto il mondo industriale, con il sostegno delle autorità governative, in quanto consente la conservazione dei materiali e la protezione e salvaguardia dell’ambiente. Per l’ambiente, infatti, i vantaggi sono diversi: si riduce il prelievo di inerti dal territorio, c’è un minor consumo di carburante dovuto al trasporto del materiale delle vecchie pavimentazioni, e di conseguenza una minore emissione di gas nocivi”.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-04-2013 alle 18:38 sul giornale del 04 aprile 2013 - 1197 letture

In questo articolo si parla di comune di maiolati spontini, Maiolati Spontini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/Llo





logoEV
logoEV