x

SEI IN > VIVERE JESI > ATTUALITA'
comunicato stampa

Massaccesi: Fabriano salverebbe il Tribunale a spese dei marchigiani. E Jesi?

2' di lettura
1291

da Daniele Massaccesi
Presidente del Consiglio Comunale di Jesi


Daniele Massaccesi

Le Sezioni Distaccate del Tribunale – e fra queste quella di Jesi - stanno per essere soppresse, e sembra ormai inevitabile, a meno di futuribili ipotesi di rinvio, nonostante gli sforzi fatti e quelli che ancora verranno peraltro profusi.

Così anche gli Uffici del Giudice di Pace, tutti, almeno così dovrebbe essere, ma …. c’è una novità!

La novità è che non tutti sono uguali se è vero, come è vero, che esiste una proposta di legge regionale, ad iniziativa della Giunta - guidata dal Presidente Spacca -, che prevede, da parte della Regione, un contributo annuale ai Comuni che hanno richiesto ed ottenuto il mantenimento degli Uffici del Giudice di Pace e che sono compresi negli ambiti territoriali di cui alla legge regionale 1 luglio 2008, n. 18 (Norme in materia di Comunità montane e di esercizio associato di funzioni e servizi comunali).

E’ prevista, per l’anno 2013, una spesa di euro 300.000,00, mentre per gli anni successivi l’entità della spesa verrebbe stabilita con le relative leggi finanziarie, nel rispetto degli equilibri di bilancio.

Insomma, guarda caso, a beneficiare di tale contributo saranno i Comuni compresi nelle Comunità Montane, e fra questi, guarda un pò ….. Fabriano, “patria” del Governatore.

Fabriano (e probabilmente Camerino) salverà così il proprio Ufficio del Giudice di Pace, se sarà approvata la proposta, con i soldi della Regione, mentre, salvo errori od equivoci, che semmai ameremmo venissero chiariti, Jesi, Osimo e Senigallia perderanno i propri, o li potranno mantenere solamente però “pagando” con mezzi propri, quelli comunali, tutte le spese di funzionamento e di erogazione del servizio giustizia, ivi incluso il fabbisogno del personale amministrativo, e senza avere invece quelli Regionali.

Se così è, e vorremmo essere smentiti, c’è da indignarsi, ed i territori esclusi da questa proposta di legge regionale che, se approvata, sarebbe iniqua, dovranno far sentire la loro voce, alta e forte.



Daniele Massaccesi

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-04-2013 alle 16:59 sul giornale del 17 aprile 2013 - 1291 letture