Quantcast

Tribunale del Malato: si preservi la presenza dell’anestesista al Carlo Urbani

Tribunale per i diritti del malato 1' di lettura 16/04/2013 - Il Tribunale per i diritti del Malato e la Commissione consiliare di studio in materia di riorganizzazione del servizio sanitario chiedono in maniera forte alla Direzione dell’Area Vasta 2 di mantenere nel nuovo nosocomio del “Carlo Urbani” la presenza di un anestesista che, da quanto ci risulta, dal prossimo mese, la citata Direzione non intenderebbe confermare.

La richiesta nasce dal fatto che il non avere il servizio di anestesista al Carlo Urbani potrebbe mettere a grave rischio la salute dei pazienti lì ricoverati. Ricordiamo che nel nuovo plesso ospedaliero vi sono reparti come la Medicina, la Reumatologia, la Pneumologia con pazienti particolarmente critici; c’è poi il nuovo polo endoscopico che nell’esecuzione degli accertamenti di sua pertinenza potrebbe avere bisogno anch’esso di un pronto intervento di un anestesia.

Si chiedono pertanto, chiarimenti in merito a cosa ha portato al venir meno del servizio, e di valutarne seriamente le conseguenze, nella consapevolezza che questa situazione derivi sicuramente anche dal persistere dei due plessi ospedalieri, la cui unificazione auspichiamo rimanga comunque un obbiettivo primario da conseguire anche per la Direzione, al fine di evitare altre analoghe situazioni che possono mettere a rischio le prestazioni rese ai cittadini.



da Pasquale Liguori
Presidente del Tribunale
per i diritti del malato di Jesi




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-04-2013 alle 09:28 sul giornale del 17 aprile 2013 - 907 letture

In questo articolo si parla di attualità, Pasquale Liguori, tribunale per i diritti del malato di Jesi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/LQg