Quantcast

Fratesi (Sel), ci auspichiamo che Banca Marche e Fondazione Carisj sappiano rinnovarsi con nomi e idee nuove

Sel, Sinistra Ecologia Libertà 1' di lettura 18/04/2013 - La notizia che gli azionisti di Banca Marche non voteranno il bilancio 2012, che si chiude con un passivo di oltre 500 milioni, getta ulteriori note scure sulla situazione economica di questa banca e di questo territorio.

Non è più tempo di tentennamenti o rimandi, il territorio, le unità produttive hanno bisogno di una banca moderna, capace di sostenere le idee e i progetti necessari per la ripresa.

Invece vediamo una banca in grave difficoltà, una banca ancora indecisa nell'avanzare un'azione di responsabilità nei confronti degli organi amministrativi e di controllo, vediamo fondazioni che si apprestano al rinnovo delle dirigenze proponendo nomi vecchi che non possono essere la risposta a questi problemi.

Il territorio chiede rinnovamento e capacità imprenditoriali fresche e propositive che solo personaggi nuovi e liberi da un complicato passato politico possono dare.

Il nostro auspicio è che al più presto Banca Marche e la fondazione jesina sappiano intraprendere la strada giusta del rinnovamento di persone e idee.


da Claudio Fratesi
Coordinatore Sel Jesi





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-04-2013 alle 16:09 sul giornale del 19 aprile 2013 - 1641 letture

In questo articolo si parla di attualità, jesi, Claudio Fratesi, Sinistra Ecologia e Libertà, Sinistra Ecologia Libertà

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/LXv





logoEV
logoEV