x

SEI IN > VIVERE JESI > ATTUALITA'
comunicato stampa

Chiaravalle: i “renziani” sono all'interno del Pd e non fuori di esso

2' di lettura
2192

da Partito Democratico Chiaravalle


Partito Democratico Chiaravalle

Noi iscritti e dirigenti del Partito Democratico di Chiaravalle rivendichiamo il diritto insindacabile di sposare in modo deciso le tesi indicate dai nostri leader di partito, tra cui Matteo Renzi. Il sindaco fiorentino è una risorsa fondamentale per il nostro partito e chiunque si presenti alla gente come “renziano” deve anche sottoscrivere la propria appartenenza al PD.

È impensabile presentarsi in una campagna elettorale facendosi passare per “vera espressione riformista del PD” (Giovanni Spinsanti dei Liberi di Pensare dixit) senza far parte affatto del Partito Democratico ed anzi sostenendo una lista apertamente ostile al nostro partito.

Una lista che riunisce partiti in perfetta armonia fra loro come PDL di Berlusconi, PSI, Partito Repubblicano della Sbarbati ed ex (si badi bene ex!!) PD locali, questi ultimi già iscritti al nostro partito con il solo scopo di scalarne il vertice e che si caratterizzano per la facilità estrema nel cambiare idee e bandiere a proprio rendiconto personale. Nome: “Siamo Chiaravalle”

Votano “Siamo Chiaravalle” quei cittadini che ambiscono a farsi governare da Gianluca Fenucci (ex candidato sindaco con il PDL nel 2008 e nota vecchia volpe della politica chiaravallese), Maria Rosaria Lucarelli (già consigliere comunale negli anni ’70, già assessore comunale, già assessore provinciale), Cristina Ciciani (già assessore comunale).

Per non parlare della cabina di regia!!! Da Luciana Sbarbati, ebbene sì, proprio lei, dopo decenni passati tra Parlamento italiano e Parlamento europeo (a volte entrambi insieme) tornata nell’agone politico chiaravallese, fino a Massimo Bitti, ex DC ex PPI ed ex Presidente del Consiglio Comunale, passando per Cristiano Candelaresi, ex sindaco di Chiaravalle ad inzio anni ’90 nonché segretario perpetuo del PSI locale (da quanti anni? 20? 30?). A leggere i curricula, la parola più gettonata è “EX”. Tragicomico che queste persone siano le stesse che accusano il PD di essere vecchio.

Perdonateci ma la cosa genera ilarità. Un minestrone di vecchi politici che sguazzano nel calderone dell’opportunismo dagli anni ’70 che accusa un gruppo di giovani e freschi attivisti della politica, che invece giocano la carta della competenza e della formazione, di essere superati. I cittadini confrontando le liste sapranno trarne le giuste considerazioni.

Chi sta con Debora Serracchiani, Enrico Letta, Matteo Renzi, Fabrizio Barca vota PD, vota la lista “Chiaravalle Bene Comune” ed il suo candidato Damiano Costantini



Partito Democratico Chiaravalle

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-04-2013 alle 15:40 sul giornale del 27 aprile 2013 - 2192 letture