Quantcast

Cesarini nel ricordo degli anarchici del Fai

FAI - Federazione Anarchica Italiana 1' di lettura 05/05/2013 - Vogliamo unirci nel ricordo e nel dolore a tutte e a tutti coloro che hanno conosciuto Daniela Cesarini e che oggi ne piangono la scomparsa.

La scelta estrema che lei ha fatto è un'ulteriore testimonianza del carattere della persona che tutti abbiamo conosciuto ed apprezzato. Non è facile in questa società essere donna, ed esserlo impegnata in
politica, e farlo da disabile, stando sempre dalla parte dei più deboli, vuoi per affermare il diritto ad avere un servizio sanitario garantito dalla legge (come per l'IVG) o per organizzare un doposcuola gratuito per i figli degli immigrati. Non è facile essere donna e stare nella politica che troppo spesso si veste dei soli panni degli uomini. Non è facile essere donna, disabile e comunista ed avere una vita "normale" con un lavoro, una identità da far valere, una famiglia.

Daniela non era una persona delle scelte facili da fare, delle scorciatoie. L'impegno e la passione, l'umanità e la relazione forse sono stati i suoi più grandi insegnamenti umani e politici che ci sentiamo di poter ricordare, e per questo la ringraziamo e allo stesso la malediciamo, perché ci ha lasciati. Ciao Daniela, dalle tue compagne e compagni anarchici.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-05-2013 alle 12:40 sul giornale del 06 maggio 2013 - 1092 letture

In questo articolo si parla di attualità, anarchici, FAI - Federazione Anarchica Italiana

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/Myk





logoEV
logoEV