x

SEI IN > VIVERE JESI > ATTUALITA'
comunicato stampa

Chiaravalle: Carrescia (Pd) esprime preoccupazione per l'Ospedale. “Non equa la ripartizione dei sacrifici”

1' di lettura
1428

da On. Piergiorgio Carrescia
Deputato del Partito Democratico


Piergiorgio Carrescia

Dopo il positivo spiraglio che si era aperto con la recente presentazione delle line strategiche per la riforma del sistema sanitario marchigiano, tornano ad essere forti le preoccupazioni per la sorte dell’Ospedale di Chiaravalle.

Se verranno confermate le ipotesi con le quali la Regione intende riorganizzare i servizi a Chiaravalle si sarebbe in presenza di un’evidente penalizzazione.

La struttura di Chiaravalle svolge infatti un’importante funzione di filtro per tutta la popolosa area della bassa Vallesina e intercetta ed alleggerisce il lavoro sia dell’Ospedale di Torrette che, per altro, è al servizio di tutta la regione, sia del nosocomio di Jesi.

L’ipotesi di sopprimere ogni posto letto “ospedaliero” lasciandone solo ventiquattro per le “Cure intermedie” e privando la struttura chiaravallese della Lungodegenza non pare coerente con lo sviluppo dei servizi verso la “fragilità” e finirebbe per creare grossi disagi alla popolazione.

Occorre anche sottolineare che con la soluzione ipotizzata per Sassoferrato, l’Area Vasta anconetana verrebbe già a ridursi di una struttura ospedaliera per cui la sostanziale eliminazione di un altro Ospedale appare, rispetto ad altri territori, una non equa ripartizione dei sacrifici necessari per la razionalizzazione del sistema.

Mi auguro perciò che la Commissione regionale che sta affrontando questa delicata riforma colga la criticità della situazione e trovi un’accettabile soluzione che, anche rimodulando i posti per le Cure intermedia, riesca comunque a garantire la permanenza di almeno un modulo di lungodegenza a Chiaravalle.



Piergiorgio Carrescia

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-05-2013 alle 18:30 sul giornale del 10 maggio 2013 - 1428 letture