Quantcast

Chiaravalle: Costantini (CBC), “la misteriosa indifferenza di Brandoni Giuliano sul progetto di ristrutturazione dell'intera Area ex Cral!”

Chiaravalle Bene comune 3' di lettura 13/05/2013 - Sorprende che il sig. Brandoni Giuliano, dinanzi ad un "esproprio di democrazia" derivante dal progetto di ristrutturazione presentato per l'area ex Cral, consideri la mia "denuncia" come una dichiarazione finalizzata semplicemente ad alzare "un polverone". Forse non conosce il rischio dell'approvazione di quel progetto. Ipotesi più che concreta! O forse volutamente non lo vuole conoscere.

Dal sig. Brandoni mi aspettavo un invito a seguire congiuntamente l'iter di questa annosa vicenda che potrebbe incidere in modo perenne sul nostro centro storico di Chiaravalle.

Con il suo comunicato, il nostro ex consigliere regionale si disinteressa completamente della problematica e preferisce spostare l'attenzione del lettore, ancora una volta, sull'ex Sindaco Montali. Ciò mi incuriosisce visto che, sino a poche settimane antecedenti alle primarie, il sig. Brandoni si affrettava a frequentare la segreteria politica del medesimo partito (anche non ufficialmente) al fine di entrare in una coalizione di centro sinistra con contestuale richiesta di concorrere alle primarie, partecipando però allo stesso tempo, alle trattative con le forze di centrodestra (Fenucci, Sbarbati, Bitti, ecc.) al fine di creare una coalizione unita contro quella guidata dal sottoscritto.

Temo che Brandoni sia rimasto indietro!

Forse non si accorto che la coalizione è formata dal PD (e non dalla giunta Montali) e da SEL.

Forse non si è accorto che i componenti della mia lista, di stretta emanazione del PD, sono giovani NEO dirigenti di quel partito, proiettati a guidare il partito democratico locale per i prossimi anni.

Forse non si è accorto che la coalizione ha preferito scegliere il proprio candidato a Sindaco attraverso le primarie, eliminando nomine scaturenti da logiche interne ai partiti, logiche che non ci appartengono.

Forse, nel citare sempre l'ex Sindaco Montali sogna di racimolare qualche voto a danno della nostra coalizione, permettendo al centro destra di vincere la tornata elettorale! Del resto non ci sorprenderebbe tale strategia, magari concertata a tavolino nelle tante riunioni che il sig. Brandoni ha partecipato (o partecipa) con il PRI, PDL e satelliti.

Come candidato alla guida di questa coalizione Chiaravalle Bene Comune così come sopra formata ho l'obbligo e il desiderio di attuare e difendere il nostro programma elettorale. A partire proprio dalla riqualificazione dell'area ex CRAL.

Per l'attività amministrativa passata il sig. Brandoni dovrà rivolgere le sue istanze non al sottoscritto. Gli suggerisco di scrivere a molti protagonisti della precedente maggioranza (di cui io non facevo parte) e che attualmente popolano la lista della coalizione di centro destra a me antagonista e con i quali il sig. Brandoni, sino a pochi giorni prima della chiusura del deposito delle liste e nel segno della "coerenza", ha cercato di fare un'alleanza!

Sull'urbanistica e sull'area ex Cral la nostra coalizione, attraverso il suo programma elettorale, ha espresso parole chiare e ha preso precisi impegni. Basta leggerlo. Lo abbiamo distribuito, illustrato e diffuso in ogni luogo, anche in rete. Solamente che questa coalizione alle parole sta aggiungendo, di già, i fatti.

Grazie al nostro intervento, ci sono ottime possibilità che l'approvazione del progetto sulla riqualificazione del centro storico non sarà deciso dal commissario straordinario. Come già annunciato, in caso di una nostra vittoria alle elezioni amministrative, la riqualificazione di tutta l'area Ex Cral sarà decisa con i cittadini.

Ci si domanda però: alla stregua della lista di centro destra, perché il sig. Brandoni non ha cercato di bloccare concretamente questo progetto della Servizi srl che potrebbe modificare perennemente il nostro centro storico senza la consultazione dei cittadini, pur sapendo che era stato emanato l'atto urbanistico che lo consente?

Forse Brandoni era distratto oppure ignorava il potenziale deposito di tale istanza progettuale oppure era desideroso di approvare questo progetto!

Del resto, "non si impara a nuotare stando fuori dall'acqua".


da Avv. Damiano Costantini
candidato a Sindaco per la coalizione Chiaravalle Bene Comune
 





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-05-2013 alle 10:20 sul giornale del 14 maggio 2013 - 2117 letture

In questo articolo si parla di attualità, chiaravalle, chiaravalle bene comune, Damiano Costantini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/MSw





logoEV