Quantcast

Maiolati Spontini: “La cittadinanza agli stranieri? Una realtà che ha rafforzato l’integrazione”. In dodici anni in 95 hanno ottenuto lo status

La consegna della Costituzione ad una neo cittadina italiana 2' di lettura 20/05/2013 - “L’acquisizione della cittadinanza italiana ha rafforzato il senso di appartenenza alla nostra comunità, oltre a favorire la coesione e l’integrazione”. A sottolinearlo è Giancarlo Carbini, il sindaco di Maiolati Spontini, dove dal 1° gennaio del 2000 al 31 dicembre del 2012 ben 95 stranieri hanno ottenuto la cittadinanza italiana, con un ritmo crescente che ha toccato l’apice nel 2012 con ben 23 casi.

Di questi, 79 sono tutt’ora residenti. Gli stranieri diventati italiani in questi primi mesi del 2013, inoltre, sono già 11. Numeri che portano il primo cittadino ad una riflessione sul fenomeno della cittadinanza agli stranieri, tornato alla ribalta con la questione dello “ius soli” sollevata dal nuovo ministro dell’Integrazione Cecile Kyenge.

“Per tanti cittadini stranieri – osserva il sindaco Carbini – quello della cittadinanza è un traguardo che arriva dopo anni di sacrifici e di passaggi burocratici. Un traguardo frutto, per la maggioranza di essi, di un lungo percorso di integrazione che li porta a sentirsi italiani e attaccati alla bandiera tricolore. Mi accorgo di questo quando sono chiamato a indossare la fascia per ricevere il giuramento di uno straniero per acquisire la cittadinanza italiana”.

Il Comune ha istituito, infatti, la consuetudine che il sindaco, al termine di una breve cerimonia, consegna al neo-cittadino italiano sia una pergamena, che ne attesta la cittadinanza, ma anche la bandiera tricolore, una copia della Costituzione e una dell’inno d’Italia, con tanto di cenni storici e spiegazioni.

“Molti neo-cittadini accettano commossi il piccolo omaggio – riferisce il sindaco – e sono arrivati più volte a rendere partecipi della loro gioia i presenti con un rinfresco, come palese dimostrazione della soddisfazione per la loro conquista. Possiamo dire che è solo una minoranza che non ha compiuto completamente il percorso di integrazione”.

I 95 neo-cittadini italiani provengono da 18 diversi paesi con prevalenza Tunisia (17), Albania (17), Marocco (13) e Colombia (12). “A questi si debbono aggiungere i neo diciottenni che, nati in Italia, non hanno mai interrotto la residenza sul suolo italiano e che, su loro richiesta, acquisiscono di diritto la cittadinanza italiana e ai quali consegniamo lo stesso omaggio. E’ un fenomeno che fa leggere diversamente l’andamento della popolazione nel nostro Comune. Basti pensare che nel 2012 la popolazione è aumentata di 36 cittadini con gli stranieri apparentemente perfettamente costanti, fermi a quota 571 come nel 2011. Ma questo si traduce nel fatto che la popolazione straniera è cresciuta di 23 cittadini e contemporaneamente 23 stranieri hanno acquisito la cittadinanza italiana”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-05-2013 alle 18:02 sul giornale del 21 maggio 2013 - 1407 letture

In questo articolo si parla di attualità, comune di maiolati spontini, Maiolati Spontini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/NcT





logoEV
logoEV