Quantcast

Chiaravalle al voto “The end”: il Cittadino Bufarini trae le sue conclusioni

Graffio 5' di lettura 24/05/2013 - E’ finita!
In una gran kermesse di happy hour, colazioni, porchetta in piazza e spaghettate serali, si conclude oggi la campagna elettorale delle elezioni comunali di Chiaravalle.

Devo dire innanzitutto una cosa, da inizio marzo ad oggi mi sono divertito in maniera indefinibile nello scrivere e rendere pubbliche le mie opinioni che sentendo in giro sono anche un po’ le opinioni di molti Cittadini Chiaravallesi, un po’ perché l’impegno sociale se fatto in maniera appassionata è anche divertimento oltreché soddisfazione personale e servizio verso la comunità, un po’ per le persone che ho avuto modo di conoscere in questo periodo, persone che hanno capito il mio spirito ed altre che invece hanno visto in me un antagonista o un “uomo di parte” o che hanno cercato di gettare discredito sulla mia persona, alcune che mi hanno chiesto via rete di conoscermi personalmente per dimostrarmi il loro apprezzamento, altre solo in rete, altre che ho conosciuto di persona per vie traverse, altre ancora che mi hanno commentato in maniera velatamente offensiva.
In ogni caso considero questa esperienza un arricchimento della mia cultura e della mia persona inteso in senso spirituale e relazionale, con tutte ho cercato di colloquiare non per convincerle delle mie idee bensì per instaurare un dialogo costruttivo e positivo, a loro il giudizio se ci sono riuscito o meno.

Ringrazio Paolo Picci con il suo “Vivere Jesi” e Giovanni Romagnoli con il suo “Chiaravalle Informa” che mi hanno ospitato e che considero delle persone eccezionali, le conosco solo via mail ma per quanto stanno dando con il loro impegno in un servizio di informazione innovativo e sicuramente ad oggi poco remunerativo meritano l’apprezzamento di tutti.

Ringrazio tutti coloro che mi hanno letto e che mi hanno apprezzato ed anche coloro che non mi hanno apprezzato, ai vari “Giulia”, “Silvia”, “anonimo illustre”, che mi hanno attaccato chiedo ancora una volta di confutare con fatti ed argomentazioni precise la mancanza di “onestà intellettuale” nei miei scritti, ad oggi non sono riusciti a convincermi delle loro tesi in quanto un attacco gratuito è solo un attacco gratuito se non accompagnato da precise “argomentazioni”.

Ringrazio poi le quattro coalizioni che hanno interagito con i miei scritti e risposto ai miei quesiti ultimi, in effetti come era velatamente definito nella prefazione, il mio era un piccolo test di prova alle affermazioni di ascolto che tutte e cinque le compagini in corsa hanno scritto nel loro programma, tutti affermano in campagna elettorale di voler ascoltare i Cittadini salvo poi ascoltarli realmente una volta al governo della Città, quale miglior test porre loro delle domande in campagna elettorale al fine di verificare se almeno in questa fase sono disponibili all’ascolto e all’interazione?

Quattro coalizioni su cinque hanno risposto pubblicamente, una non si è degnata di alcuna risposta forse perché le domande erano state poste dal sottoscritto.

Della coalizione che vincerà le elezioni manterremo memoria sia del programma elettorale, sia delle cinque risposte che hanno pubblicato, al fine di verificare che rispettino quanto hanno dichiarato, in ogni caso le risposte non erano dovute al cittadino Bufarini bensì alla Cittadinanza tutta che avrà così modo di avere un idea per il voto e farsi un opinione su alcuni degli argomenti di primaria importanza per Chiaravalle, perché di una cosa sono convinto assertore, chi vince una competizione elettorale deve poi governare non solo per i propri elettori bensì per la totalità della Cittadinanza.

Ulteriormente invito tutti ma proprio tutti a recarsi alle urne, so che non è semplice scegliere in questo periodo, ma alla fine se non il migliore si può sempre scegliere il meno peggio, ricordatevi che nel ventennio fascista fu tolto il diritto di voto e l’epilogo non fu dei migliori.

In questo mese e mezzo ho sempre cercato di essere al di sopra delle parti, a volte ci sono riuscito a volte meno, sono una persona come tante altre e con un “intelletto” più o meno ”medio”, la mia soddisfazione è in ogni caso di avere un po’ movimentato il dibattito politico a Chiaravalle e forse di avere interessato qualche Cittadino in più alla competizione elettorale, “anonimo illustre” in un suo commento è scocciato dal dover leggere ancora i miei “sermoni” nel futuro, nessuno è obbligato a leggere e a condividere quanto scrivo e non cerco assolutamente visibilità come qualcuno ha affermato, di sicuro, se Vivere Jesi e Chiaravalle Informa mi ospiteranno scriverò ancora, in quanto come Cittadino “Cogito Ergo Sum”.

In ultimo, desidero inviare i miei auguri più sentiti per una pronta ripresa a Barbara Traversi che ho incontrato e conosciuto occasionalmente il mese di marzo in un incontro “semipolitico” nel quale ho avuto modo di apprezzarla per la sua vitalità e la sua passione politica e sociale, nessuno mai dovrebbe arrivare a tali gesti, la vita va in ogni caso vissuta fino in fondo, le auguro di cuore di superare le difficoltà che l’hanno condotta a tale gesto e di guarire presto dalle sue ferite fisiche e morali.






Questo è un articolo pubblicato il 24-05-2013 alle 17:52 sul giornale del 24 maggio 2013 - 1339 letture

In questo articolo si parla di attualità, chiaravalle, Giovanni Bufarini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/NoR





logoEV
logoEV