Quantcast

Confcommercio contro il progetto del Gruppo Maccaferri: “Non è un’opportunità”

Confcommercio Jesi 2' di lettura 28/05/2013 - Confcommercio Imprese per l’Italia Marche torna sulla vicenda della riqualificazione dell’ex Sadam di Jesi dopo le dichiarazioni del Gruppo Maccaferri che vorrebbe realizzare un mega centro commerciale nell’ex zuccherificio per “reinvestire nel territorio di Jesi le risorse erogate dall’Ue per la cessazione dell’attività saccarifera”.

“Si tratta di un investimento – commenta il direttore di Confcommercio Imprese per l’Italia Marche e Confcommercio Imprese per l'Italia Provincia di Ancona Massimiliano Polacco –, che andrà a distruggere il piccolo commercio di Jesi e di tutta la Vallesina. Ben altro dell’opportunità di attrazione, definizione scelta dal Gruppo Maccaferri per delineare l’operazione commerciale nell’ex zuccherificio. Ma di quali opportunità stiamo parlando? Vorrei che fossero elencate e spiegate per bene le ricadute positive sul territorio del retail park da 30 mila metri quadrati cui si aggiungono le tre strutture da 2 mila e 500 metri quadrati. Per le valutazioni noi non ci affidiamo alle ipotesi o alle presunzioni di positività di questo o quel progetto. Contro tante parole, promesse e strumentalizzazioni, mi riferisco in particolare alla rioccupazione degli ex lavoratori della Sadam, ci sono i dati. I dati dovrebbero azzittire tutti e invece si continua a sostenere un progetto che non ha sostenibilità economica. Lo si vuole capire questo o vogliamo continuare a ragionare in direzione ostinata e contraria citando una frase molto utilizzata, non a caso, in questo periodo in cui sembra prevalere una pericolosa irrazionalità”.

“I dati dunque – continua Polacco –, perché le parole sono a zero. L'Osservatorio del Commercio della Regione Marche ha sancito, lo studio è scientifico quindi non politico o di opinione, che non ci sono più margini nella nostra regione per la realizzazione di altri centri commerciali. Perchè allora ci si ostina a volerne realizzare altri? Oltremodo con i contributi Ue?”.

Un’altra questione sollevata da Maccaferri: la politica. “La politica – conclude Polacco –, ha dato un pessimo esempio di sè a parte alcune prese di posizione come quella puntuale del sindaco di Jesi Massimo Bacci che da tempo sta ponendo gli stessi nostri quesiti senza avere delle risposte sensate. Per il resto cosa dire della deliberazione positiva della Regione Marche al progetto di riqualificazione commerciale all’ex Sadam se non che ben ventidue consiglieri regionali, votando senza che il loro nome fosse immediatamente rintracciabile, hanno dato il via libera a quella che si configura come una vera e propria operazione illogica. I consiglieri regionali hanno smentito in questo modo l’indirizzo politico della Regione Marche che da tempo va dicendo che non ci sono più margini per altri centri commerciali nel nostro territorio. Pagheremo a caro prezzo le conseguenze di certe scelte”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-05-2013 alle 16:41 sul giornale del 29 maggio 2013 - 935 letture

In questo articolo si parla di attualità, confcommercio, ancona, confcommercio ancona, Confcommercio Jesi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/NvX





logoEV