Quantcast

Equa la festa: nella giornata conclusiva si discute di carceri e violenza di genere

Equa la festa 2013 2' di lettura 05/07/2013 - Sabato 6 luglio la terza e conclusiva giornata di Equa la festa, all’Ostello Villa Borgognoni di Jesi, sarà dedicata ai diritti civili, ancora sotto lo scacco della violenza, pubblica o privata, anche alle nostre latitudini.

La violenza di genere sarà il tema del laboratorio tenuto da Olivier Malcor, che usa gli strumenti del “teatro dell’oppresso”, un metodo di educazione alla nonviolenza inventato e promosso da Augusto Boal. Nello stesso pomeriggio saranno attivi molti altri laboratori per grandi e piccini (letture, performance teatrali, intercultural cafè, i diritti delle donne, meditazione e altre pratiche benessere...), da consultare sul programma ( http://equalafesta2013.wordpress.com/ ).

Lo spazio video si aprirà con il film documentario Earthlings, mentre dalle 20.30 passeranno documenti filmati dedicati al femminicidio ed al carcere.

Il carcere sarà anche il tema dell’incontro delle 19.00, con la partecipazione ancora di Olivier Malcor, che parlerà soprattutto della sua esperienza con le persone detenute a Regina Coeli, e di Roberto Bezzi e Tilde Napoleone, dal carcere di Bollate. Fedeli al tema portante di questa edizione, “diritti al futuro”, e partendo dallo stato di palese illegalità e degrado del nostro sistema penitenziario, si parlerà dell'importanza di garantire una pena giusta e coerente con quanto previsto dalla Costituzione e di come vi possa essere un carcere non solo migliore, ma diverso: in questo senso Bollate costituisce l’esempio e la dimostrazione. Verranno anche raccolte le firme per le proposte di legge di iniziativa popolare su carcere, droghe e tortura, promosse da Antigone e altre associazioni.

In linea con il tema della serata, seguirà il concerto di Alessio Lega, che presenterà canzoni del suo repertorio ed in particolare quelle tratte dal lavoro E ti chiamaron matta, che parla di malattia mentale e ospedali psichiatrici. Il concerto sarà preceduto da un intervento di Laura Stopponi, della campagna Stop opg e da un incontro con Alessio Lega nello spazio del Centro studi libertari “Luigi Fabbri”.

Chiusura della serata e della festa, a partire dalle 23.30, con il DJ set di Bruno, di Transylvania.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-07-2013 alle 14:55 sul giornale del 06 luglio 2013 - 988 letture

In questo articolo si parla di attualità, Equa la Festa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/O7D