L'altra Notte bianca: 118 alle prese con gli ubriachi, molti i minori

2' di lettura 14/07/2013 - E' stata una notte di festa ma anche di bagordi dove non sono mancati i “soliti” eccessi legati all'abuso di alcol. La festa della Notte della Rotonda di sabato ha sfidato e vinto la prova maltempo.

E così, seppure con qualche migliaio di avventori in meno rispetto allo scorso anno, il compleanno per l'edificio simbolo della spiaggia di velluto ha riempito non solo il lungomare ma anche la città. Musica, via vai continuo di gente che ha fatto la spola tra il centro storico e il litorale, in un crescendo che come ogni anno ha avuto picchi di degenerazione.

Non a caso il lavoro maggiore è toccato alle ambulanza del 118 alle prese con interventi continui per soccorrere ubriachi “stramazzati” a terra. Decine sono state infatti le richieste di aiuto per i sanitari che se la sono dovuta vedere, in alcuni casi, anche con minori che in barba a divieti e ordinanze, hanno ceduto all'alcol. In molti casi gli interventi del 118 sono stati resi difficoltosi dal passaggio stesso attraverso la folla ma fortunatamente tutte le giovani vittime si sono riprese poco dopo le cure dei sanitari in ospedale. Per contrastare l'abuso di alcol la Polizia Municipale è stata impegnata per tutta la notte anche in controlli sia all'interno dei locali, per monitorare la somministrazione di alcolici (vietata dopo le 3 e sempre ai minori), che lungo le strade.

Purtroppo considerate le decine di migliaia di giovani sparsi ovunque, le trasgressioni non sono mancate. In alcuni casi sono state elevate anche delle contravvenzioni per il mancato rispetto delle ordinanze emesse ad hoc per la notte bianca. L'alcol è costato caro anche ad trentenne di Corinaldo, residente ad Ostra Vetere, che ieri mattina ha denunciato ai Carabinieri di essere stato vittima di una rapina per mano di due uomini nordafricani.

Tra gli inconvenienti della baldoria della notte bianca ci sono anche i vari danneggiamenti. Anche se ieri mattina tutto il litorale è stato tirato a lucido dagli operatori comunali, per i gestori degli stabilimenti balneari i problemi non sono mancati. Molti hanno lamentato danneggiamenti come lettini divelti, qualche attrezzatura da spiaggia presa a calci e la spiaggia scambiata per bagno chimico. Tra questi è il caso dello stabilimento balneare dell'Hotel Baltic, sul lungomare Alighieri, che ha riportato alcuni danneggiamenti.






Questo è un articolo pubblicato il 14-07-2013 alle 23:07 sul giornale del 15 luglio 2013 - 8765 letture

In questo articolo si parla di cronaca, giulia mancinelli, notte della rotonda

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Pq6


Sostituirei il "alcuni casi" riferito ai coma etilici dei minori con "nella maggior parte dei casi"...non si potrebbero inasprire i controlli e le sanzioni per chi vende alcolici ai minorenni? ci sono locali che dove entri ti trovi una buona metà di clientela minorenne, non penso che le forze dell'ordine siano all'oscuro di tutto...

basta con queste feste! l'alcol è già un problema occorre fermarne l'abuso!

Posso confermare che i vigili urbani hanno fatto un buon lavoro quelli che giravano in borghese e colpendo chi gli capitava a tiro (visto con i miei occhi) ma sono comunque limitati se non aiutati anche dagli esercenti (non dico tutti) che invece somministrano ai minorenni senza problemi.
Faccio inoltre anche notare che a pochi metri dalla pattuglia con tre vigili sistemata vicino alla rotonda antistante la Rotonda a Mare c'era un ragazzo in evidente stato confusionale che urinava nelle belle aiuole con il suo .....in bella vista. Invece di parlare fra loro sarebbe meglio che si guardassero intorno (non serviva la vista a raggi X per notarlo). Normalmente quando si è in servizio ed in una serata del genere lasciamo stare i colloqui personali. Grazie

Roby io

15 luglio, 18:41
"L'altra notte bianca"? A me sembra che sia "l'unica notte bianca", cioè l'unica possibile in un contesto nel quale le offerte culturali sono ridotte al lumicino, con un nulla da offrire per tutte le età e per tutti i gusti, ormai queste "feste" sono solo pretesti per sbornie di massa senza costrutto alcuno. Previdi che la morte culturale di Senigallia sarebbe sopravvenuta quando si decise di abbattere la "Fenice" per sostituirla con l'orrido cubo, e i fatti mi stanno (purtroppo) dando ragione.

Era una cronaca ampiamente annunciata. Considerate le decine di casi tra ubriachi finiti all ospedale, danneggiamenti, risse, rapine, spiaggia e città ridotti ad orinatoi, ecc.. , mi chiedo quale sia l' utilità di questa notte bianca?!

a giudicare dai commenti, pare che nessuno dei lettori di VS è mai stato giovane...

A giudicare dal tuo commento si intuisce cosa sia il divertimento per te.

Ma per favore, tutti siamo stati giovani e ricordati che 20 anni fa non c'era nessun tipo di divieto, ma sai che c'è? che si beveva senza mai finire all'ospedale o in coma etilico e sai perchè? perchè nonostante tutto si usava la testa.Altrimenti poi a casa erano dolori, sapevi dov'era il limite; invece oggi sti bimbiminchia hanno tutto e tutto gli è permesso.... Io vi farei pagare il trasporto con l'ambulanza e anche il tempo che i medici hanno dovuto perdere per colpa vostra...