Quantcast

I residenti del Prato scrivono all'Assessore Garofoli per la situazione di degrado nel quartiere

5' di lettura 24/07/2013 - Vivere Jesi pubblica la lettera aperta dei residenti del Prato all'Assessore ai Lavori Pubblici, Sergio Garofoli, per denunciare l'assoluto degrado del verde pubblico e non solo.

Gentile Assessore Garofoli,
scriviamo in merito all'approvazione del Piano delle opere pubbliche che prevedete di effettuare nei prossimi tre anni.

Con l’occasione vogliamo portare alla sua attenzione le criticità presenti nel nostro quartiere affinché siano prese in considerazione e comprese nei vostri prossimi interventi.

La situazione più critica riguarda le aiuole di Viale Trieste.

In passato sono state oggetto di restyling dotandole di teli verdi, impianto di irrigazione e piante varie. Nel tempo mai nessuno ci ha più messo mano ed ora sono in totale abbandono, con teli strappati e impianto che non è mai stato messo in funzione. I residenti sono stati costretti a mettere delle passerelle di plastica per poterle attraversare ed evitare di infangarsi e qualcuno ha provveduto anche a tagliare alcune piante tanto erano ingombranti. Il progetto all’epoca era valido ma ad oggi possiamo sicuramente dire che è stato uno spreco di denaro data l'assenza totale di manutenzione. Si dovrebbe intervenire rimuovendo completamente i teli e l'impianto di irrigazione, ormai inutilizzabile, e valutare come risistemarle. Quello che dispiace di più è che le aiuole di Viale Cavallotti, molto simili alle nostre, sono al contrario oggetto di manutenzione e hanno piante fiorite e decorose. La disparità è evidente!

Altre aiuole che necessitano urgentemente di risistemazione sono quelle di Via Rosselli dove l'intervento potrebbe essere poco dispendioso ma efficace. Deve essere però tempestivo in quanto le bordature fatte in pietra sono pericolose per le auto perché completamente fuori sede.

Vogliamo tornare di nuovo sull'argomento dei tigli di Viale Trieste: per poter fare in modo che i rami cresciuti dopo la discutibile potatura effettuata qualche mese fa possano riprendersi bisognerebbe intervenire per togliere i polloni (o ricacci) cresciuti nella parte bassa di ogni albero. Questi rametti assorbono per se stessi tutti gli elementi nutritivi e lasciano poco o niente al resto con evidente sofferenza delle piante.

Per quanto riguarda gli arredi urbani le facciamo notare che nella ristrutturazione passata erano stati piantati a terra diversi cestini porta rifiuti lungo il Viale e anche nelle vie limitrofe. Ad oggi di quei cestini ne sono rimasti pochissimi e crediamo siano stati tolti da chi gestisce i rifiuti, anche se Jesi Servizi incolpa i Giardinieri del Comune. Non sappiamo chi ha ragione ma sta di fatto che i cestini continuano a sparire e sono rimasti solamente i pali! Anche in questo caso pur di non apportare manutenzione si preferisce togliere il problema alla fonte!

Vogliamo portare alla Sua attenzione anche la necessità di intervenire sulla situazione delle buche nelle strade e sui marciapiedi che in alcune vie sono delle trappole. Si sono formate anche delle fenditure dalle quali escono i topi che vivono nelle fognature e i residenti sono stati costretti a chiuderle di propria iniziativa.

Si dovrebbe effettuare il taglio dell’erba periodicamente anche nei giardini davanti alla Chiesa di San Sebastiano e non lasciare queste attività totalmente al buon cuore dei residenti che volontariamente effettuano questo lavoro ma che logicamente non riescono a tenere il passo.

Questo piccolo giardino è un luogo di aggregazione ideale per persone non più giovanissime ma entrarci è un’impresa!

Apprendiamo con piacere che interverrete anche sui parchi cittadini apportando nuovi giochi e arredi quindi ci teniamo a segnalare la situazione del giardino della Piazza dei Cordai e del giardinetto del Pero che si trovano ambedue sulla destra del sottopasso di Via Marconi.

Il Giardino della Piazza dei Cordai è frequentato da bambini di tutte le età ma attualmente ha un solo gioco usufruibile solo da bambini più grandi.

Il giardinetto del Pero invece ha uno scivolo e un'altalena, ambedue malconci. Non ha ombra in quanto le piante sono ai lati del parco ed ha una fontanella guasta da sempre. L'erba è spesso altissima perché non viene tagliata con la stessa frequenza di altri parchi e lo rende impraticabile dai bambini ma accessibilissimo ai padroni di cani che ci portano le loro bestiole per i bisognini.

Si dovrebbe intervenire apportando nuovi giochi e sistemando quelli esistenti.

Un altro Parco fruibile dai bambini della nostra zona è quello dell'Orti Pace di fronte all’ormai ex Cinema Diana. Apprendiamo con piacere che sarà oggetto di un bando per l’assegnazione della gestione di un chiosco stagionale. Vogliamo sottolineare come questo parco potenzialmente possa essere frequentato da molte famiglie ma ad oggi ha un solo gioco, tra l'altro anche rotto, e che invece di essere riparato è stato chiuso in parte. Il giardino deve essere valorizzato con altalene e altri giochi per bambini di ogni età, oltre che con ulteriori panchine. Lo spazio è tantissimo ma non è assolutamente sfruttato.

Oltre alla scuola questi Parchi sono gli unici punti di aggregazione per i bambini del nostro quartiere ed è fondamentale valorizzarli per facilitare l'integrazione tra le diverse nazionalità sia tra i bimbi che tra i genitori.

Devono attirare famiglie anche da altre parti della città e devono essere utilizzati per manifestazioni ed eventi pubblici. La valorizzazione e riqualificazione di un quartiere passa anche attraverso queste azioni. Ci rendiamo conto della scarsità di risorse economiche di cui dispone l'Amministrazione comunale ma considerate queste spese non solo come semplici uscite di cassa bensì investimenti per il futuro di tutta la città!


da Residenti della zona Prato e dintorni







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-07-2013 alle 18:01 sul giornale del 25 luglio 2013 - 1673 letture

In questo articolo si parla di attualità, jesi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/PQ0





logoEV
logoEV