Caos ed eccessi al Jamboree: Memè, 'E' l'evento che salva l'economia cittadina'

3' di lettura 09/08/2013 - “Il Summer Jamboree è il vero evento che salva l'economia cittadina e l'inciviltà di alcuni non può e non deve minarne l'immagine”.

All'indomani delle giornate “calde” con le due notti di festa hawaiana in spiaggia che hanno prodotto, come rovescio della medaglia, eccessi e bagordi da parte di chi ha approfittato di un'occasione di allegria per ubriacarsi e scadere in atti molesti, il vice sindaco Maurizio Memè difende la portata dell'unico vero evento della spiaggia di velluto che richiama ogni anno oltre 150 mila presenze. I problemi che si sono registrati nel corso delle due notti di festa nel tratto di spiaggia libera sul lungomare Mameli non hanno interessato solo il litorale. Sulla spiaggia all'indomani i bagnanti che si sono recati al mare nelle zone limitrofe hanno protestato per i residui di bicchieri e cartacce ma anche per l'olezzo di urina che invadeva la spiaggia.

“Per quanto ci riguarda gli operatori del Comune hanno provveduto a sistemare e ripulire in tempo record tutti i marciapiedi e il lungomare -precisa Memé- per quanto concerne l'area dove si è svolta la festa, la pulizia è stata appannaggio degli organizzatori”. Disagi per i residenti si sono registrati dal centro fino alla Cesanella con gruppi di ragazzi ubriachi (“infiltrati fra il popolo del Jamboree) che hanno raggiunto a piedi la festa e dato vita ad un via vai continuo fino all'alba con urla, grida, in alcuni casi lanci di bottiglie anche verso giardini e case private e fermandosi ad urinare in ogni angolo. Ingente il lavoro svolto dalle forze dell'ordine che hanno supervisionato la festa e la viabilità evitando il rischio di incidenti.

“Stiamo parlando di numeri ingenti, almeno venti mila solo nella prima serata di festa hawaiana -continua il vice sindaco- e in questo contesto che possano esserci dei gruppi minoritari di incivili rientra nella logica dei numeri. Il dato vero che vogliamo difendere con forza è che non si sono verificati incidenti né risse”. La settimana del Summer Jamboree indiscutibilmente è una manna dal cielo per commercianti e albergatori che registrano ogni anno il tutto esaurito ma allo stesso tempo richiede una buona dose di pazienza ai cittadini, alle prese con soste selvagge, disagi alla viabilità e trambusto vario.

“Dobbiamo renderci conto che il Summer Jamboree è l'evento che salva la nostra economia -conclude Memé- questa amministrazione ha scelto di difendere questa manifestazione con forza. E' una scelta indubbiamente politica ma tutta la città deve rendersi conto che è un evento che non possiamo in alcun modo permetterci di perdere”. Per “trattenere” il Summer Jamboree a Senigallia, il Comune nel 2012 ha rinnovato l'accordo con gli organizzatori sottoscrivendo un contratto che lega il festival alla città fino almeno fino al 2016. Per contro il Comune dovrà pagare ogni anno un contributo di 200 mila euro per la realizzazione del Jamboree finanziato con la tassa di soggiorno.






Questo è un articolo pubblicato il 09-08-2013 alle 23:00 sul giornale del 10 agosto 2013 - 8198 letture

In questo articolo si parla di attualità, giulia mancinelli, summer jamboree, maurizio memè, caos

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Qwf


gianluca giummule

10 agosto, 00:23
Io mi chiedo solo se Sindaco e assessori abitassero nei pressi di queste manifestazioni e magari subissero danni e gente che urla sotto le loro finestre fino a notte fonda la penserebbero allo stesso modo?
Possibile che non esista un modo per coniugare il bisogno di divertimento e di far vivere l'economia della città con la civiltà e soprattutto con la sicurezza dei cittadini?

per due giorni di fila durante i preparativi hawaiani hanno scaricato tir e furgoni pieni di alcolici e super alcolici, mica han scaricato gelato e macedonie. Era chiaro che ci sarebbero stati diversi sbronzi in circolazione con tutto quell'alcol pronto da vendere...Aggiungo che la spiaggia non è il luogo adatto per far svolgere "eventi" di questo tipo. Vanno fatti sul cemento dove si può intervenire pulendo senza tanti problemi. Ogni anno restano una gran quantità di rifiuti che nessuno raccoglie, perchè i neri del giorno dopo portano via solo il grosso, poi le cannucce, frammenti di plastica, bottiglie di vetro rotte, montagne di cicche di sigarette, etc..etc... rimangono tutti li. ma tanto che ce frega poi d'inverno fa na bella mareggiata da levante che arriva sul muretto e se porta via tutta la mondezza residua.

saluti

"La settimana del Summer Jamboree indiscutibilmente è una manna dal cielo per commercianti e albergatori". Di grazia ci vuole spiegare, se lo sa (e ne dubito fortemente) in che termini ulteriori rappresenta un beneficio per il resto dei cittadini?
Detto questo il SJ è una delle migliori manifestazioni della città e non solo, ma quei 200mila euro all'anno meritano una maggiore (più profonda e più trasparente) presenza dell'amministrazione (attenzione: intesa come maggior interesse pubblico, non come il solito "feeling" con qualcuno).

Ieri una punto bianca guidata da un Jamburino quasi non investiva mio figlio in bicicletta. Ed eravamo in pieno giorno. Cos'altro posso aggiungere? Ah sì i 200.000,00 euro. Spero che l'amministrazione abbia fatto bene i suoi conti. A me, per esempio, neanche un centesimo per la mensa dei bambini...

Roberta

10 agosto, 10:52
Benone. Il comune (quindi noi) spende 200 mila euro per trattenere il summer. Poi spende per ripulire la città dal bagordi degli esagitati e per gli straordinari anche delle forze dell'ordine. Poi i privati spendono per ripulire le loro proprietà.
Ma qualcuno che quantifica il guadagno economico derivante dal summer? e che faccia un elenco di chi ci guadagna? no eh?

Perchè alla fine il cittadino che non lavora nelle attività ricettive ci rimette solo per pagare le tasse per le spese pubbliche.

Sindaco,vice,presidente del consiglio comunale e associati......organizzate queste belle serate alcoliche sotto le vostre finestre e dopo riparliamo del cncetto dei cittadini che devono avere pazienza per aiutare baristi ed albergatori a far cassa.
Non avete la minima idea di cosa significa fare politica per il bene della collettività.

è necessario che l'Amministrazione sappia coniugare il sano divertimento con lo sviluppo dell'economia locale, perciò occorrono più controlli sul "sano divertimento" e pugno di ferro con chi sgarra, a tutela del benessere di tutti!

A me piace il Summer Jamboree è un evento originale e divertente ma evidenzia i limiti della nostra città e delle varie occasioni che abbiamo avuto per migliorare come città ma che non abbiamo saputo sfuttare:
- il bike sharing: poche bici, poca manuntenzione, tanti soldi spesi... era stato fatto solo per la bandiera blu?
- la complanare... ridotta a bretella con tratti a 50 km/h (io che abito sulla nazionale non ho visto i vantaggi decantati dall'amministrazione comunale...)
- i parcheggi di scambio, come sono collegati alla città? ma funzionano?
- le piste ciclabili... poche e in alcune tratti pericolse... ma le abbiamo fatte solo per la bandiera blu, no vero?
- la città non ha spazi adatti ad eventi del genere... ovvero per un evento di questa portata (vedi party hawaiano... bisogna per forza farlo davanti all'acqua pazza? un posto meglio collegabile?)

Molte perplessità su come viene organizzato e gestito l'evento...

Dove abito io ( sulla nazionale) schiamazzi e rumore e traffico fino le 4/5 della mattina è la normalità (negli ultimi anni) nel periodo del summer.

Ma queste 150 mila presenze che dice il Vice Sindaco Memè come vengono calcolate? Eruditemi, grazie.

"l'inciviltà di alcuni..."
Gli alcuni, magari, sarebbero anche meno incivili se:
- Ti aspetti 30 mila persone? Obblighi gli organizzatori di posizionare in tutta la città bagni chimici, dato che quelli pubblici sono stati tutti tolti.
- Non vuoi vetro per le strade? Fai controlli specifici alle attività che, nonostante le disposizioni comunali, continuano a vendere bevande nel vetro
E' inutile fare le ordinanze se poi mancano i controlli.

"gli operatori del Comune hanno provveduto a sistemare e ripulire in tempo record tutti i marciapiedi e il lungomare": alle 11.00 del mattino non avevano ancora raccolto i sacchi della spazzatura.

db82 Utente Vip

10 agosto, 16:46
Critiche, critiche, critiche...
Dai, chiudiamo il Summer Jamboree. E poi il prossimo anno critichiamo l'amministrazione perchè non investe abbastanza sul turismo.

Signori, Senigallia non vive di industrie, non vive di monumenti e non vive di "critiche".
Senigallia vive di turismo, soprattutto estivo.
Con l'estero non siamo più competitivi (i prezzi in Italia in generale ormai sono maggiori dei posti "marittimi" che ci circondano come Spagna, Croazia, Grecia, Tunisia, Egitto).
Come li attiriamo i turisti?
Come li riempiamo gli hotel?
Ci vogliono delle manifestazioni di respiro nazionale (vedi il Cateraduno) e internazionali (come il Summer Jamboree) che generano tanti numeri!

Purtroppo altri eventi di ambito più "culturale" sicuramente attirano meno "incivili", richiedono meno quantitativi di "alcol" e "pulizie", ma purtroppo non riempono gli hotel.

Per cui, mi sento onestamente di dire GRAZIE all'amministrazione comunale per fare il possibile per far crescere la città, ai cittadini per fare alcuni sacrifici, e ai turisti per continuare a venire da noi!

Ricordate: se gli hotel chiudono, i ristoranti chiudono, i bar chiudono, i turisti non vengono più e l'amministrazione non avrà più denaro (ne ha già poco ora) per i servizi che (giustamente) noi continuamente chiediamo.

La manifestazione va salvaguardata con attenzione o cura di chi, però, nella città ci vive. Per essere più chiaro in merito ai bagni pubblici, non mi riferivo nelle aree delle manifestazioni, ma più generalmente nella città. Per esempio, lungo tutto il percorso tra il centro e la Casanella.

Sfida all'amministrazione comunale: oltre a posizionare molti bagni chimici in occasione della festa hawaiana, cosa che sfugge ogni anno, perché per il prossimo anno non si utilizza la stessa anche per una finalità di tipo sociale e di sensibilizzazione, vietando in quell'occasione la somministrazione di alcolici? Una sera soltanto, per dare un segnale ai ragazzi, per far capire che ci si può e ci si deve saper divertire anche senza ubriacarsi. Bevande analcoliche per tutti. Rifletteteci.

carlosone

10 agosto, 20:48
Da una parte lo stato o comune che sia spaccia alcool e altro, e d'altra parte poi ti devi curare contro questi vizi che lo stato
regolarmente mette in commercio,cari signori fatevi un giro nei vari sert e case di cura tipo Villa Silva. Meditate.

omnibus

11 agosto, 00:00
Chi critica queste manifestazioni hanno le proprie ragioni, chi critica l'amministrazione comunale per organizzare queste feste e spenderee 200,000 euro hanno le proprie ragioni, ma allora cosa si sede fare per aumentare il turismo? Rispondete,grazie

1. Traina l'economia del turismo e dei commercianti, tutti gli altri settori sono esclusi.

Ora, francamente, che l'albergatore si lamenti perchè quest'anno non ha potuto cambiare la mercedes non mi sembra esattamente un dramma.

2. L'inciviltà?
Beh, ieri sono stato a vedere la sfilata di auto d'epoca, direi che le harley (non tutte, beninteso) erano alquanto fuorilegge, un esempio ne è stato le sgasate davanti al mascalzone, in cui hanno fatto tremare anche l'asfalto (tra gli applausi, come i bambini dell'asilo, degli astanti).

Non sono, dunque, pochi incivili.

Senigallia, come altri posti, è tollerante oltremodo nei confronti dei veicoli a motore.

Salvo poi lamentarsi se, come ovvio data la condotta di guida, ogni tanto qualche centauro si spalma da qualche parte.

Lasciamo perdere i limiti di velocità, lasciamo perdere le righe continue, lasciamo perdere i parcheggi sui marciapiedi, le lamentele per le strisce posizionate male e i (sic) ciclisti indisciplinati....

Ma la tendenza ad andare in giro con veicoli senza silenziatore è normale?

Va bene, fa parte del folklore.

Ma almeno non ci tediate con i ciclisti che vanno contromano, perchè è come parlare di uno schiaffo durante una guerra combattuta con i carri armati.

Si tratta, in buona sintesi, di buon senso, dote spesso assente negli italiani.

p.s.:
Gli amministratori pubblici dovrebbero stare più attenti ai residenti che non ai turisti, senza nascondersi dietro ai presunti privilegi per il settore turistico (senza dire quanti soldi e a chi vanno, quindi dicendo una cosa del tutto ipotetica).

Non siamo alle elementari....

L'amministrazione fornisca, dunque, i dati relativi al presunto incremento del volume di affari, in percentuali e in termini assoluti, e la distribuzione di tale incremento.

Perchè il chioschetto che si trova a marzocca dubito subisca benefici di eventi che si verificano, prevalentemente, in centro.

Ossequi.

Pulizia a tempo di record. Dove? Nelle aree della festa? E il resto della città? La foto ( http://imgur.com/raMV0Q6.jpg ) è stata scattata alle 11 del 11 Agosto.

Annarosa

11 agosto, 17:51
Il suddetto vicesindaco, ha 200000 euro per il summer jamboree, ma non un migliaio di euro per un dissuasore come ha detto a noi cittadini in un incontro (i soliti politicanti).
I vigili chiamati per far rispettare le norme stradali rispondono che non possono venire perché sovraccarichi di lavoro; quindi si assiste a moto che passano nei sottopassaggi, ubriachi che dormono nudi e urinano vicino alle abitazioni, campeggio selvaggio in aree di parcheggio etc. Ora io mi chiedo se una città dichiara di non poter far rispettare le norme durate tali eventi come coniuga sicurezza dei cittadini e gestione di eventi di tale portata?
Infine è la solita storia degli italioti piagnoni: spese pubiche ed incassi privati, se gli albergatori vogliono il jamboree paghino una vigilanza privata che assicuri un andamento civile di tasca propria

Il Summer Jamboree va benissimo, e fa bene il Comune ad investire su un evento del genere.
I problemi derivano essenzialmente da due situazioni:
1- la tanta gente che con la scusa dell'evento ne approfittano per fare casino e comportarsi da incivili;
2- la migliore gestione del gran flusso di persone.
Nel primo caso sono assolutamente necessari controlli e personale in numero maggiore per quelle occasioni, e andrebbe richiesto un aiuto alla Regione (in fondo se l'evento attira persone anche da fuori regione, ci guadagna pure lei).
Nel secondo si deve posizionare qualcuno con radio o altri sistemi informatici in ogni parcheggio, e altri agli ingressi principali della città, in modo da coordinare l'afflusso delle auto nei giusti posti (indicando a chi non conosce la città, con un foglietto, il percorso per il parcheggio da raggiungere): questo poi è un servizio che serve per poche ore ogni giorno, visto che l'afflusso inizia alle 18.30-19 e finisce attorno alle 23.30-24

Primo cittadino vai a far danni in regione così che la tua carriera è completa perchè oltre ti sarà difficile vista la tua levatura.
E tu mimì il vice vai spararle per conto della regione insieme al tuo amico sindaco. Senigallia ha bisogno di altro ma in 4 anni non ve ne siete accorti. Soldi non rendicontati alla Summer srl




logoEV