Banca delle Marche S.p.a. in gestione provvisoria sotto la supervisione della Banca d'Italia

Banca Marche 1' di lettura 30/08/2013 - La Banca d’Italia, con provvedimento del 27.8.2013, ha disposto la sospensione, in via temporanea, degli organi con funzioni di amministrazione e controllo di Banca delle Marche, ai sensi dell’articolo 76 del Testo Unico Bancario.

Con il citato provvedimento sono stati nominati quali Commissari della banca Giuseppe Feliziani e Federico Terrinoni; gli Organi si sono insediati in data 30.8.2013. Il provvedimento è stato assunto anche alla luce dei risultati del primo semestre, pubblicati in data odierna, che si caratterizzano per consistenti rettifiche su crediti poste in essere dalla banca.

La procedura di Gestione provvisoria, operando sotto la supervisione della Banca d’Italia, avrà quindi il compito di condurre l’attività aziendale secondo criteri di sana e prudente gestione; dovrà inoltre individuare le necessarie iniziative di rafforzamento patrimoniale, al fine di completare l’azione di risanamento già avviata dalla banca. La clientela potrà quindi continuare a rivolgersi come di consueto agli sportelli della banca, che prosegue regolarmente la propria attività.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-08-2013 alle 18:31 sul giornale del 31 agosto 2013 - 3219 letture

In questo articolo si parla di attualità, banca marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/RaY


Dove SPACCA? Dov'è il PD potentato locale nominatore dei consiglieri delle fondazioni e quindi dei consiglieri di amministrazione della Banca delle Marche Spa? Dove sono gli imprenditori salvatori del territorio? Io so solo dove sono i piccoli risparmiatori e coloro che hanno prestiti con la Banca. In Chiesa se credenti a pregare per i loro soldi. Vergognosi i sindacati che per decenni hanno permesso di tutto e di più (quelli che hanno scioperato) ed ora per "smarcarsi" da ogni responsabilità scioperano. Una piccola Monte dei Paschi di provincia. D'altronde siamo, in miniatura, "l'Italia in una Regione".

Banca Marche commissariata? Cosa volevano pure le medaglie? Eppure gli amministratori ha fatto come i politici, si sono sempre deliberati compensi milionari. Visti i risultati sarebbe bene che qualcuno intraprenda una bella azione di responsabilità per recuperare qualche soldo ma chissà se Spacca sarà d'accordo?
Ora Spacca non può certo smarcarsi visto che si è sempre vantato della sua "longa mano"
At salut.




logoEV