Quantcast

Calcio: Jesina-R.C. Angolana 1-0, prima vittoria dei leoncelli proprio all’ultimo assalto

Il gol di Berardi su rigore 4' di lettura 22/09/2013 - E’ proprio il caso di dirlo, stavolta ci ha messo una pezza San Settimio, il patrono di Jesi che si festeggia proprio oggi, ma per favore, non disturbatelo più, sicuramente ha cose più importanti da sbrigare!

Scherzi a parte, chiedo scusa ancora se uso una espressione irriverente, la vittoria della Jesina ha del “miracoloso”, arrivata alla fine del terzo e ultimo minuto di recupero, grazie a una calcio di rigore di Berardi, probabilmente il più in affanno tra i leoncelli nel match di oggi, che pochi minuti prima sembrava dover essere sostituito, alle prese con qualche noia fisica. Il calcio a volte riesce davvero a essere imprevedibile.

Un match destinato giustamente verso un equo 0-0, viene deciso all’ultimo assalto, per un calcio di rigore, peraltro apparso giusto. Lasciamo da parte le espressioni che sanno di profano. Parlando della partita, rigore a parte, sono stati novantaquattro minuti assai modesti, tra due squadre stasera modeste, ancora alla ricerca del primo successo, entrambe con due soli punti in classifica dopo tre settimane.

Si comincia con la Jesina che cerca di fare la partita, ma si vede subito che né Marco Strappini né Berardi sono in giornata, certo, il primo ci mette tanta buona volontà e quando commette qualche errore cerca di rimediare, l’altro spesso è avulso dal gioco; l’attacco ne soffre, tanto più che Rossi finisce spesso nella rete dell’off-side.

L’unico ad avere le idee lucide sembra Rossini, e proprio dai suoi piedi nascono le uniche due occasioni del primo tempo. Ancor prima, a negare il gol ai leoncelli, (10’ pt) è una indecisione di Rossi che non aggancia un pallone sfuggito a Lorenzo Angelozzi.

Al 16’ calcio d’angolo perfettamente pennellato da Rossini per la testa di Tombari, la cui deviazione sembra destinata in porta, ma con un perfetto colpo di reni, Fabio Angelozzi salva la sua porta.

Dopo 10’ il calcio di punizione di Rossini da 30 metri viene calciato a fil di palo, ma è ancora l’estremo difensore ospite a salvare in tuffo. Al 29’ è il suo collega Tavoni, dall’altra parte del campo, a salvare sul tocco al volo, di precisione, di Pagliuca.

A quattro minuti dal riposo bella azione personale di Rossi, che una volta entrato in area, praticamente a tu per tu con il portiere, invece che andare al tiro, cerca un improbabile traversone che non trova compagni di squadra pronti.

La prima azione degna di nota della ripresa è ancora a favore della Jesina e parte ancora di piedi di Rossini. E’ il 14’, bella azione in profondità del centrocampista jesino, traversone incrociato per Rossi, la cui staffilata è però alta.

Al 32’ la Jesina mette sotto assedio la difesa della Renato Curi Angolana, collezionando due azioni da rete e altrettanti calci d’angolo, prima è Piermattei a farsi pericoloso di testa, ma la conclusione è ribattuta da Ricci, poi Sassaroli, probabilmente sbilanciato da un difensore, non riesce a coordinarsi e ne viene fuori un tiro debolissimo.

Quanto la partita sembra finita e lo 0-0 inevitabile, Sassaroli è bravo a guadagnare un penalty per un fallo di Natalini e l’arbitro Catucci di Foggia indica il dischetto. Si prende la responsabilità della realizzazione Berardi, che sigla l’1-0. Tutto facile? Neanche un po’, perché la conclusione è proprio sull’angolo che il portiere ospite sta cercando di chiudere, quello alla sua destra e la palla finisce sul palo, prima di rimbalzare e finire in rete, a una manciata di centimetri dall’altro palo.

Tutto è bene quello che finisce bene, è proprio il caso di dirlo, sono tre punti che brillano come una pepita d’oro, ma non c’è ancora modo di stare allegri. Occorre inserire, prima di subito, Berardi, mettere quindi a posto il centrocampo, per mettere in condizione gli attaccanti di trovare la via della rete.

Jesina: Tavoni; Campana, Mattia Cardinali (37’ st Giansante); Marco Strappini, Tafani, Tombari; Carnevali (27’ st Sassaroli), Berardi, Pierandrei; Rossini, Rossi. All.: Bacci

Renato Curi Angolana: Fabio Angelozzi; Ricci, Lorenzo Angelozzi (13 st’ Natalini); Di Camillo, Francia, Marotta; Spadaccini (43’ st Carpegna), Forlano, Pagliuca; Vespa, De Matteis (12’ st Bongermino). All.: Miani.

Arbitro: Catucci di Foggia.

Reti: 48’ st Berardi (rig)

Note: spettatori 600; durante l’intervallo hanno sfilato le squadre del settore giovanile della Jesina.

Ammoniti: 24’ pt Marotta (R), 10’ st Di Francia (R), 30’ st Ricci (R), 38’ st Rossini (J), 41’ st Natalini (R).






Questo è un articolo pubblicato il 22-09-2013 alle 18:42 sul giornale del 23 settembre 2013 - 1192 letture

In questo articolo si parla di sport, calcio, Jesina, berardi, gol

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/R6l





logoEV
logoEV