Quantcast

Salvatore D'Addario, ancora due settimane per ammirare disegni e sculture

2' di lettura 28/09/2013 - Inaugurata sabato 21 settembre, continua fino al 13 ottobre la mostra di Salvatore D'Addario, "disegni e sculture", a cura di Giancarlo Bassotti e con il patrocinio del comune di Jesi, presso lo Spazio 2G in Piazza delle Grazie.

Il rigore, l’equilibrio. Una duplice sensazione accompagna la visione dei disegni di Salvatore D'Addario. La prima è quella di trovarsi di fronte ad un estremo rigore; la seconda di sentirsi in perfetto equilibrio nello spazio dell’opera. Il rigore cercato ed ottenuto dall’artista è di quelli estremi che non lasciano dubbi. È un rigore analitico, geometrico tracciato con segni e linee essenziali. Un rigore razionale, etico testimoniato nella ricerca della purezza formale. Una purezza che rinvia a segni ancestrali, archetipi. Gli stessi segni lasciati dagli uomini preistorici nelle loro incisioni rupestri? Forse. Lo spazio concepito da D’Addario non si ferma alla superficie bidimensionale del foglio. Egli si avventura verso una spazio mentale, aperto che si proietta verso la tridimensionalità. Ma è la magia del tempo, o meglio, dello spazio-tempo e della sua percezione immateriale, quasi di sospensione che restituisce allo sguardo la sensazione di pacato e stabile equilibrio. Le sculture, semmai ce ne fosse bisogno, ne sono una ulteriore prova.

Biografia: Salvatore D’Addario, nasce ad Ariano Irpino (AV), nel 1950. Nel 1953 la famiglia si trasferisce nelle Marche, ad Ancona. Si diploma presso l’Istituto d’arte di Ancona, dove ha insegnato fino al 2008. Dal 1982 abita e ha studio a Camerano (AN). Nel corso degli anni conosce, frequenta e diventa amico di grandi artisti, protagonisti del primo e secondo Novecento, tra i quali Pericle Fazzini, Ivo Pannaggi, Edgardo Mannucci. Con quest’ultimo stringe un particolare rapporto di amicizia, che lo legherà al grande scultore fino al giorno della sua scomparsa. Il rapporto con il maestro dell’informale plastico è stato intenso e costellato di episodi che hanno lasciato segni indelibili nel cuore di Salvatore D’Addario. Ha esposto in numerose mostre personali e collettive in Italia e all’estero. Sue opere sono presenti in importanti collezioni pubbliche e private.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-09-2013 alle 08:16 sul giornale del 30 settembre 2013 - 1065 letture

In questo articolo si parla di cultura, salvatore d'addario

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/Sm0





logoEV