Paradisi: 'Negato anche quest’anno dalla Asur il diritto alla visita medico-sportiva'

Roberto Paradisi 2' di lettura 18/10/2013 - “La dottoressa visita una settimana si e una settimana no. Non so dirle il perché. La prossima visita disponibile è per il 29 gennaio”. Come dire: meglio far rinunciare i figli all’attività agonistica. La voce della gentile operatrice è un po’ imbarazzata. Ma questo è.

Ancora una volta la Asur di Senigallia impedisce di fatto ai nostri giovani che vogliono praticare attività sportiva agonistica il diritto (stabilito per legge) di effettuare a carico del servizio sanitario la visita di idoneità agonistica. Il prossimo posto libero per la visita è il 29 gennaio, quando finiscono i campionati giovanili. Una beffa per le famiglie senigalliesi costrette a ricorrere ai privati a pagamento (il costo medio della visita è di circa 60-70 euro, ergo per molte famiglie impossibile da sostenere) o a emigrare in altre Asur più attrezzate e più efficienti.

Uno scandalo che si perpetua ormai da anni con il responsabile del servizio, il dott. Fiorenzuolo, che si ostina a non risolvere un problema gravissimo che si ripropone ogni anno. Anche le sollecitazioni rivolte al responsabile in sede di commissione consiliare sport negli anni passati (ad esempio ordinando la concentrazione del servizio nei primi mesi dell’anno sportivo, essendo perfettamente inutile la presenza costante del medico da febbraio ad agosto quando la richiesta del servizio è minima o assente) sono cadute nel vuoto.

Il dott. Fiorenzuolo e i dirigenti pubblici della Asur, sul punto, hanno dimostrato una indifferenza e un cinismo che lascia interdetti. Nemmeno di fronte alle sollecitazioni unanimi della commissione consiliare sport hanno deciso di fare un passo verso le esigenze dei cittadini senigalliesi. Il risultato è che il nostro servizio pubblico di medicina sportiva (che non va potenziato, ma solo modulato differentemente) rappresenta ormai la cenerentola della sanità marchigiana.

Il risultato: i cittadini che pagano tasse esorbitanti per l’assistenza sanitaria sono costretti a pagare due volte per lo stesso servizio. Mentre i responsabili di tali ormai inaccettabili inefficienze non pagano mai.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-10-2013 alle 15:32 sul giornale del 19 ottobre 2013 - 2482 letture

In questo articolo si parla di roberto paradisi, politica, coordinamente civico

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Thc





logoEV