Quantcast

Monte S. Vito: lista civica, 'Tares, l'Amministrazione reticente'

Lista Civica Insieme per Monte San Vito 2' di lettura 20/11/2013 - Finora non ha detto niente né vuol parlare, però ha parlato il Sindaco, quindi basta. Questa, nei fatti, è la risposta alla nostra ultima interrogazione (argomento Tares, errori nelle cartelle). Quanto ai soggetti, l'assessore che non parla è Michela Verdenelli, mentre il Sindaco che parla è Sabrina Sartini.

Quest'ultima dice che l'Amministrazione non c'entra (subisce il problema!!), e nega a monte la necessità di approfondimenti con l'assessore. Ci viene risposto che la nostra interrogazione non andrebbe nemmeno accolta, perché l'Amministrazione si è già pronunciata e... perché la voce del Sindaco è identica a quella dell'assessore. Ora: è chiaro che un Sindaco debba parlare per conto dell'Amministrazione, ma è anche chiaro che l'assessore preposto, dopo la bellezza di 736 cartelle sbagliate su 3.535, farebbe bene a proferire parola. O forse no? Non servirebbe una spiegazione?

Certamente, ma in Comune non ci pensano proprio. E noi ripetiamo quanto detto in Consiglio: questo silenzio non è affatto apprezzabile. Troppo comodo scansare le domande... se nessuno parla e il Sindaco accampa scuse, è ovvio che si cerchi l'assessore!

Dalla Verdenelli, per esempio, avremmo voluto sapere le verifiche e le simulazioni effettuate, visto che il caos non è stato poco: minori entrate per € 45.185,39 e noi dovremmo scusare?

No, l'Amministrazione ammetta le responsabilità che ha, senza mortificare gli uffici e senza chiedere alle minoranze di fare altrettanto. Ma come: sentiamo da 3 anni la storia della Giunta infallibile che tutto vede e che tutto può, perché tutto controlla e tutto pianifica, e adesso è vero il contrario?

Suvvia, si è perso lo smalto o non si era all'altezza? Basta a dire che gli sbagli vanno puniti e che per fortuna questa Giunta lo sa fare, perché allora dovrebbe cominciare da sé stessa, punendosi da sola. Quanto all'assessorato... beh, più sventurato non sarebbe possibile: prima c'era l'assessore Battistini e quando ci ha dato ragione è stata mandata via (rea di volersi abbassare le indennità!), poi è arrivata la Verdenelli e non riusciamo a parlarci.

Ok, ha parlato il Sindaco e nessuno forzi il regolamento (per carità!), ma non ci si venga a dire che l'assessore fa bene a non dire 'A', perché il mancato controllo è un caso di INADEMPIENZA. Peraltro chiedevamo di conoscere gli strumenti adoperati per testare l'affidabilità del programma di calcolo, ma pure qui non si è saputo nulla.

E noi non dovremmo chiedere il perché di questo assessore? Insomma: viene catapultato da Chiaravalle, non riferisce sua sponte, non controlla la Tares e stentiamo a credere che conosca il territorio: dovremmo essere soddisfatti? Abbiate pazienza, ccà nisciuno è fesso.



da Rossella Martarelli
Capogruppo "Insieme per Monte San Vito"




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-11-2013 alle 14:21 sul giornale del 21 novembre 2013 - 919 letture

In questo articolo si parla di attualità, monte san vito, Insieme per Monte San Vito, rossella martarelli, tares

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ULI





logoEV
logoEV