Quantcast

Sel: 'L'Asur deve dei chiarimenti su quanto accaduto al Consultorio di via Guerri'

Sel, Sinistra Ecologia Libertà 1' di lettura 21/11/2013 - L'esposizione di un volantino da parte del CAV (centro di aiuto alla vita), che dimostra di avere uno strano concetto di aiuto visto il contenuto terrorizzante del volantino destinato a donne in situazione di crisi e fragilità, costituisce senz'altro un fatto molto grave.

Ma, a nostro giudizio, sarebbe ancora più grave constatare che funzioni del Servizio Pubblico vengono svolte da organizzazioni private. Noi di SEL e tutta la cittadinanza ha il diritto di sapere quali accordi ci sono tra l'ASUR e il CAV.

Perché le donne in difficoltà o incerte nelle decisioni da prendere in merito all'interruzione o meno della gravidanza invece di essere sostenute dagli operatori pubblici vengono inviate ai privati del CAV? Una organizzazione privata che si definisce Centro di Aiuto alla Vita che espone volantini terrorizzanti contro l'interruzione della gravidanza può sostituirsi agli operatori pubblici per sostenere e aiutare le donne incinte in difficoltà ?

Siamo convinti di no. Spetta al servizio pubblico , ai nostri operatori pubblici che sono preparati e qualificati sostenere e aiutare quelle donne che si trovano in queste situazioni così delicate. Come fatto dalla nostra onorevole Ricciatti noi di SEL di Jesi attiveremo il nostro consigliere regionale per sollecitare le dirigenze ASUR a fornire tutte le chiarificazioni necessarie e soprattutto a vigilare affinché non si verifichino altri fatti analoghi e che le funzioni del servizio pubblico restino pubbliche .






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-11-2013 alle 20:15 sul giornale del 22 novembre 2013 - 1121 letture

In questo articolo si parla di attualità, jesi, cav, Sinistra Ecologia Libertà, volantino del consultorio di jesi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/UQ8





logoEV
logoEV