Elemosine ai semafori: disabili sfruttati o truffatori? Perché nessuno fa nulla?

Elemosine al semaforo della Penna 1' di lettura 25/11/2013 - Non é una novità che in prossimità dei semafori ci siano persone particolarmente povere che chiedono elemosina. Tuttavia, a me, non rimane indifferente la presenza di alcune persone con forti problemi fisici.

Ad esempio, nel caso in questione ci troviamo presso la curva "della penna".
Questo ragazzo, (che secondo me non ha piu di una trentacinquina d'anni), in pratica come si vede dalla foto, è tutto curvo su se stesso, a tal punto che a mala pena riesce a guardare avanti, e cammina con le gambe storte.

Sappiamo bene che qualcuno pur di tirar su qualche soldo le inventa tutte, ed io, da una parte mi auguro che lui che sia uno di quelli.

Caso contrario, mi chiedo: ma persone che come lui hanno forti disagi fisici, hanno una famiglia o amici alle spalle che gli vogliono bene, oppure sono anche loro sfruttati? Chi é che li scarica dalle auto?

Già hanno la sfortuna di condurre un esistenza con forti handicap fisici, almeno chi di dovere, faccia in modo che non siano anche sfruttati e maltrattati. Anche loro sono esseri umani.
Non esiste solamente il problema della prostituzione, questo é altrettanto grave, eppure nessuno ne parla.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-11-2013 alle 09:52 sul giornale del 26 novembre 2013 - 6178 letture

In questo articolo si parla di politica, disabile, Gabriele Mesturini, elemosine, semaforo della penna

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/UZ3