Complanare scomoda e fuorviante. Mangialardi, 'Stiamo ultimando gli ultimi ritocchi'

complanare 2' di lettura 27/01/2014 - Complanare “scomoda” e “confusionaria”. Gli automobilisti non hanno dubbi. La prima bretella che collega il vecchio casello autostradale con strada della Marina non è pratico. Tutt'altro.

Al momento l'arteria, seppure regolarmente aperta e transitabile, presenta diversi problemi legati agli ultimi lavori di completamento ancora in corso. Un tratto della carreggiata, ad esempio, si restringe tutto ad un tratto, per non parlare della segnaletica fuorviante all'imbocco di borgo Molino dove le indicazioni non corrispondono ai reali imbocchi direzionali.

“E' vero c'è ancora qualche dettaglio da mettere appunto ma ormai manca davvero poco -assicura il sindaco Maurizio Mangialardi- il restringimento della carreggiata nelle corsie di canalizzazione è dovuto ai lavori in corso alle ultime rotatorie. In quanto alla segnaletica, quella apposta è quelle definitiva, pensata a bretella ultimata e in effetti alcuni imbocchi mancano ancora. Siamo però ormai agli sgoccioli. Non appena saranno completate le ultime rotatorie di collegamento alla viabilità ordinaria tutto sarà a posto. Del resto nonostante questi piccoli intralci la bretella nord è molto utilizzata. Ce ne accorgiamo quando, com'è capitato di recente, la complanare viene chiusa per qualche lavoro e via Cellini torna ad essere sovraccarica di traffico”.

Resta un'incognita e rischia di rimanere ferma al palo invece l'apertura della seconda bretella, quella di collegamento tra il casello dell'autostrada e il Ciarnin. I lavori infatti rientrano nel lotto dell'ampliamento della terza corsia dell'A14 Senigallia-Ancona Nord fermi a tempo indeterminato.

“La seconda bretella è quasi ultimata ma per l'apertura manca il completamento della galleria a sud che fa parte dei lavori dell'A14 -precisa Mangialardi- purtroppo il cantiere non è nostro ma torniamo a sollecitare Società Autostrade per una chiarezza sulla tempistica della ripresa dei lavori”.






Questo è un articolo pubblicato il 27-01-2014 alle 23:45 sul giornale del 28 gennaio 2014 - 4530 letture

In questo articolo si parla di attualità, giulia mancinelli, complanare

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/XCR


Luigi Alberto Weiss

28 gennaio, 08:45
Basta con le continue bufale sulla complanare! Quella strada è stata progettata male, in fretta, tanto per dare un altro nastro da tagliare all'inauguratore del momento e per foraggiare di denaro personaggi vari. Tutto in un festival della cementificazione su cui verdi e ambientalisti di diverso livello hanno scelto di chiudere gli occhi e tapparsi il naso. Adesso ancora promesse? Ma va...!

N.H. mascetti Ugo

28 gennaio, 11:30
Commento sconsigliato, leggilo comunque

Le parole di una persona che in questo specifico caso non ha nessun potere

Sbrigatevi a finire questa seconda complanare. Qui su via Podesti quando passano i camion di giorno e di notte a tutta veocità, trema tutta la casa...ho paura che prima o poi mi crolli il tetto addosso!!!!

Oppure, se i lavori sono proprio fermi, per favore Sindaco metta dei dossi artificiali o qualcosa che impedisca a questi mezzi pesanti di correre!!!!

Commento modificato il 28 gennaio 2014

MenSana ti consiglio di non far mettere i dossi oltre che è vietato nelle strade statali o provinciali. I dossi possono essere installati solo nelle strade urbane ad alta densità abitativa, praticamente per regolare i 30 km/h.
I dossi se sistemati nelle strade percorse anche dai camion provocano rumori molesti, ancor peggio di quello che stai soffrendo tu.
Nel nostro comune, erroneamente installati su una provinciale presso abitazioni, li hanno dovuti togliere perchè una signora ha presentato un certificato medico in quanto il rumore notturno dei camion che passano di lì non la facevano dormire.
Vogliamo buttare soldi inutilmente ?
Ti consiglio invece di far installare le colonnine arancioni VELO OK, ottimo deterrente e ti assicuro MOLTO SILENZIOSO. Se poi ogni tanto la pattuglia dei vigili la usasse pure sarebbe ancora meglio.
Spero di averti dato una dritta.

paolofiore

Questo perché ancora ci ostiniamo a mettere come dossi delle striscie di plastica; facciamo dei veri dossi di cemento alti e larghi (come usano in altri paesi) e vedrai che ti passa la voglia di passarci sopra a tutta

Grazie per il suggerimento, 55727223.
Non sono un tecnico, solo un abitante stremato dalla situazione. Mi va bene qualsiasi soluzione, basta che funzioni!
E pensare che non sto neanche in periferia, ma in zona piano regolatore, a due passi dalla stazione. Che i camion passino su questa strada e a quelle velocità è semplicemente inconcepibile...
Fate qualcosa e fatelo il più presto possibile!!!!

Grazie per il suggerimento, Paolo Fiore.
Non sono un tecnico, solo un abitante stremato dalla situazione. Mi va bene qualsiasi soluzione, basta che funzioni!
E pensare che non sto neanche in periferia, ma in zona piano regolatore, a due passi dalla stazione. Che i camion passino su questa strada e a quelle velocità è semplicemente inconcepibile...
Fate qualcosa e fatelo il più presto possibile!!!!

Wese, all'italiano gli devi toccare le tasche poi capisce che quando intravede quelle colonnine arancioni con lampeggiante è meglio non rischiare soldi e patente. I dossi sono dispendiosi, non ti rientra nulla di soldi, possono creare problemi, come detto sopra, agli abitanti limitrofi.
I Comuni cercano i soldi, facciamoli tirare fuori da chi infrange la legge e mette in pericolo la vita degli altri...semplice.
Meglio qualche multa di più giustificata che far pagare tasse a tutti.

paolofiore