Mense scolastiche, Coldiretti: 'Fare chiarezza su cibi stranieri a tavola'

1' di lettura 15/02/2014 - Occorre fare chiarezza sulla denuncia dei genitori circa il fatto che nelle mense scolastiche di Jesi sarebbero serviti prodotti stranieri, poiché sarebbe paradossale che in una delle zone più agricole di una regione tra le più rurali d'Italia si prediligessero cibi provenienti dall’estero.

Ad affermarlo è la Coldiretti Ancona dopo le polemiche sollevate dal post sul blog “Je-si mangia” dove le famiglie degli alunni lamentano, tra le altre cose, la presenza di “olio dall’estero non conforme al capitolato e pesce prefritto dalla Germania”.

L’ennesima dimostrazione, secondo Coldiretti, della necessità di accelerare sulla promozione dei cosiddetti appalti verdi nelle mense, favorendo il consumo di prodotti agricoli del territorio che garantiscono anche migliore freschezza e qualità e tutelano l’ambiente.

Tra l’altro, nel 2009 la Regione Marche varò una legge (n.16) proprio per favorire l’utilizzo di cibi locali nella ristorazione collettiva. In particolare, si prevedevano contributi ai soggetti pubblici per l’uso di prodotti agricoli regionali in misura non inferiore al 50 per cento, oltre a forme di premialità nel caso di uso di alimenti di provenienza locale nei bandi di gara relativi agli appalti.

Una legge purtroppo rimasta al palo ma che, secondo Coldiretti, sarebbe giunto il momento di applicare.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-02-2014 alle 16:42 sul giornale del 16 febbraio 2014 - 2803 letture

In questo articolo si parla di attualità, agricoltura, coldiretti, germania, mense scolastiche, cibi stranieri, olio estero, pesce fritto

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Yzj





logoEV