x

SEI IN > VIVERE JESI > ATTUALITA'
comunicato stampa

Mense scolastiche, società concorrente porta la Gemeaz davanti al Tar

2' di lettura
2232
dal Comune di Jesi
www.comune.jesi.an.it

La sent. del Tar 848 del 21 novembre 2013

Il Comune di Jesi e la Jesiservizi prendono atto e con attenzione considerano il dispositivo di sentenza con cui il Tar delle Marche ha accolto il ricorso proposto dalla Dussmann Service s.r.l. contro l’aggiudicazione del contratto per il servizio di refezione in favore della Gemeaz Elior s.p.a..

Tale vicenda si inserisce in un ormai ampio contenzioso insorto tra le due operatrici sul piano nazionale, sin qui pendente anche avanti al Tar del Lazio ed al Tar dell'Emilia Romagna, nell’ambito del quale la Dussmann Service s.r.l. rimprovera alla Gemeaz Elior s.p.a. di aver omesso la produzione, nella procedura di gara, delle dichiarazioni relative alla sussistenza dei requisiti di ordine generale da parte degli Amministratori di due società cedenti apposito rami d’azienda in favore della Gemeaz Elior s.p.a. medesima.

La Dussmann Service s.r.l. afferma, in particolare, che la mancata produzione di tali dichiarazioni - relative si badi bene: non agli Amministratori della Gemeaz Elior s.p.a. bensì a quelli delle società terze che hanno ceduto i rami d’azienda alla Gemeaz Elior s.p.a. medesima - non poteva che determinare automaticamente l’esclusione dalla gara della concorrente. Si tratta di questione intensamente dibattuta ed estremamente controversa sul piano nazionale, per la quale non vi sono ancora indicazioni definitive a disposizione delle stazioni appaltanti e che potrà trovare soluzione solamente al termine del doppio grado di giudizio, senza alcuna possibilità di intervento da parte della stazione appaltante se non quello di prendere atto delle decisioni che la magistratura amministrativa andrà ad adottare.

Il Tar delle Marche non ha ancora reso note le motivazioni della propria decisione le quali forniranno sicuramente elementi importanti per definire l’evoluzione prossima del procedimento. Sin d’ora, peraltro, sia il Comune di Jesi che Jesiservizi, nella piena consapevolezza della estrema incertezza della vicenda e dell’assenza di punti fermi anche nella giurisprudenza amministrativa sul tema in questione, si sono posti nella condizione di assicurare l’ordinato passaggio del servizio in favore dell’operatore economico che risulterà aggiudicatario al termine del contenzioso.

Nel contempo il Comune di Jesi e Jesiservizi confermano che tutti i servizi di refezione proseguiranno secondo l’attuale andamento senza alcuna variazione né inconvenienti per l'utenza.



La sent. del Tar 848 del 21 novembre 2013

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-03-2014 alle 19:42 sul giornale del 12 marzo 2014 - 2232 letture