Fontana tinta di rosso: il Mezza Canaja, 'Casa Pound? Casa clown'

Fontana Piazza del Duca, vernice rossa 2' di lettura 19/03/2014 - Ricapitoliamo: due ragazzi, uno di 24 anni e l’altro di 25 anni, entrambi di Montegranaro (Fermo), un trentenne di Ancona e uno di trentanove anni di San Benedetto, tutti aderenti al movimento fascista di estrema destra Casa Pound, sono venuti a Senigallia e in pochi minuti hanno imbrattato la fontana di Piazza del Duca, uno dei principali monumenti cittadini.

Lo hanno fatto tra famiglie che passeggiavano e bar pieni di ragazzi, hanno lasciato un volantino politicamente incomprensibile e sono fuggiti per poi farsi immediatamente fermare dalla polizia. Addirittura, il “duce de noialtri” – Michele Sgariglia, classe 1975, nato a Fermo e residente a San Benedetto – sulla propria pagina di Facebook, rivendica il gesto, spacciando idiozia e vandalismo gratuito come se fossero delle pratiche politiche di lotta radicale.

D'altronde, se fosse intelligente non sarebbe fascista. La pagliacciata compiuta da “Casa Clown” è talmente ridicola, misera, vile, inconcludente e politicamente inconsistente che si commenta da sé. Una cosa però ci teniamo a dirla, Casa Pound è un’organizzazione dichiaratamente fascista, che ha come mezzo e fine di ogni propria azione la xenofobia, il razzismo e la violenza. Casa Pound è uno dei tanti utili idioti che in tempi di crisi serve a fomentare un’inutile quanto pericolosa guerra tra poveri. Di Casa Pound, infatti, è il responsabile della “strage di Piazza Dalmazia” avvenuta a Firenze il 13 dicembre 2011. Di Casa Pound sono i militanti che a Napoli inneggiavano allo stupro di una ragazza ebrea nel gennaio del 2013.

E’ sempre Casa Pound ad aver portato a Roma il 29 novembre del 2013 la dirigenza del partito nazista greco Alba Dorata. Giusto per restare agli ultimi fatti. Chiunque fosse interessato a capire meglio chi sono “i fascisti del terzo millennio”, consigliamo i seguenti link: http://www.osservatoriodemocratico.org/page.asp?ID=3129&Class_ID=1004 http://caatsiena.files.wordpress.com/2010/06/i-fascisti-di-casa-pound.pdf Casa Pound come ogni organizzazione di estrema destra, è radicalmente estranea alla storia della nostra città, al suo tessuto culturale, sociale e politico; e tale deve restare. Cari camerati, evitate di percorrere tanta strada per venire a fare le vostre buffonate pseudofuturiste a Senigallia. La prossima volta potreste non avere la fortuna di incontrare la polizia.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-03-2014 alle 10:28 sul giornale del 20 marzo 2014 - 2839 letture

In questo articolo si parla di attualità, mezza canaja e piace a eneabartolini Fedy8679

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Z9e


Emanuela Montesi

20 marzo, 09:02
Vanno puniti severamente !! Anche ai servizi sociali !! Il ns centro storico è un gioiello !!

Mah, troppi aggettivi.

Sarebbe stato sufficiente chieder loro:

A che serve?

Il Mezza Canaja è quello a cui il Comune ha concesso per anni di deturpare il lungomare all'altezza dell'Acquascivolo dandogli in concessione uno stabile ridotto un vero e proprio immondezzaio dai difensori della democrazia senigalliese?

Senza quella chiusura e senza quei tanti, "troppi aggettivi" (cit.), sarebbe stata una presa di posizione più seria e matura, che avrei condiviso più agevolmente (non che il mio parere valga oltre la mia ombra). E' quest'acqua qua, insomma.

Io tutto sto scempio non l'ho mica capito...... il giorno dopo la fontana era stata ripulita ed era esattamente come prima dell'"attentato".
Che siano idioti non c'è dubbio. Come non c'è neanche dubbio sull'idiozia della cacofonia successiva degli antifascisti in servizio permanente effettivo sull'antifascismo, sulla vigilanza democratica, non so se s'è pronunciata anche l'ANPI sul rischio di una nuova dittatura fascista.
Suvvia, un gesto idiota è un gesto idiota, e se gli si dà troppa importanza può sorgere il dubbio che chi gliela dà abbia bisogno a sua volta di giustificare propri comportamenti altrettanto idioti, ma di segno opposto.




logoEV