Tende sui terrazzi da vent'anni: ora (solo alcuni) condomini sono accusati di abuso edilizio

3' di lettura 21/03/2014 - Alcuni condomini di via degli Abiti sono stati accusati di abusivismo per aver allestito delle tendine parasole sui propri balconcini, tutte ugali fra loro. Peccato che quelle tende sono così da vent'anni, da quando fu chiesta l'autorizzazione comunale.

Con questa lettera vorremmo confrontarci con lei. Sindaco di Senigallia, su ciò che è accaduto a noi e ad alcuni nostri vicini di casa. Alcuni mesi fa, abbiamo ricevuto dalla provincia una lettera, nella quale venivamo accusati di un abuso edilizio non meglio specificato; dopo innumerevoli telefonate riuscimmo a comprendere che avevamo tende da sole e gazebi abusivi: Siamo rimasti mesi in attesa dell’avvio della procedura da parte degli uffici comunali competenti in materia, che ci hanno, con un’altra lettera imposto di smontare le tende e gazebi pena una multa. Ciò che rende questa storia paradossale è che le tende e gazebi non sono stati montati alcuni mesi fa ma 20 anni or sono !!!!!!!!!!!!!.

Il controllo fatto sulle mancate autorizzazioni è stato inoltrato da un vostro zelante dipendente, che crediamo o meglio speriamo, abbia fatto ciò per un ordine di controllo a tappeto sull’intero territorio. A Senigallia crediamo e confrontandoci con altre persone ne abbiamo certezza, sono tanti che non hanno autorizzazioni. Dovendo spiegare i fatti per far comprendere l’assurdità di un controllo come questo, ricordiamo che montando una tenda a cappottina come le nostre, si chiedeva per l’intero condominio, essendo la richiesta proveniente da un edificio nuovo e da più proprietari. Questa richiesta veniva evasa dalla stessa ditta del montaggio delle tende: ai proprietari che fecero richiesta in un momento successivo venne data, dalla ditta di tende da sole, la risposta che era stata chiesta l’autorizzazione anni addietro. Ora la ditta, dopo quasi 20 anni non ha più la documentazione da dimostrare.

Ci chiediamo se può essere accaduto, da parte dei vostri uffici, nel momento della registrazione dei dati da cartaceo a digitale, un errore, una perdita della documentazione. Questioni strane in questa storia ce ne sono, perciò da parte nostra possono nascere questi dubbi, perché ci sentiamo ingiustamente accusati di qualche cosa che se non fossero i 250,00 e rotti euro di multa a riportarci alla realtà, sembrerebbe di kafkiana origine!!! Tutti eravamo certi di aver attivato la procedura corretta per montare gazebi e tende da sole, perciò questo controllo sembra essere un’ingiustizia sul nostro condominio; viene anche da chiedersi come in tempo di crisi il Comune possa spendere le proprie risorse per una questione così banale che di abuso edilizio ha veramente poco!

La burocrazia italiana vanta a sua volta procedure assurde come quelle cui siamo chiamati ad assolvere noi : smontare le tende, chiedere l’autorizzazione e rimontare le tende! Concludiamo nella speranza che risponda alle domande poste in questo pubblico sfogo, considerando che se reato avessimo commesso, noi tutti ci chiediamo se perseguibile dopo 20 anni!

I condomini di via degli abeti, n. 6 e 8 Tonni Perucci Elisabetta, Perini Federica, Gialannella Luigina, Santarelli Gianni , Vianelli Samanta, Riccioni Rita.






Questo è un articolo pubblicato il 21-03-2014 alle 17:52 sul giornale del 22 marzo 2014 - 6008 letture

In questo articolo si parla di attualità

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/1hF