Banca Marche: perquisizioni della guardia di finanza a carico di ex dirigenti, funzionari esterni e imprenditori

Guardia di finanza 1' di lettura 09/04/2014 - Nella giornata di mercoledì gli oltre 25 indagati nella vicenda che riguarda l'isituto di credito marchigiano hanno ricevuto la visita della Guardia di Finanza.

Si tratta di perquisizioni nei confronti di ex dirigenti ed amministratori di Banca Marche, compresa anche la controllata Medioleasing, ma riguarda anche altri funzionari e tecnici esterni, nonché alcuni imprenditori delle province di Ancona, Macerata e Pesaro.

I reati contestati spaziano da quelli societari, falso in bilancio e ostacolo alla vigilanza, ma comprendono anche il reato patrimoniale di appropriazione indebita.

Proseguono le azioni legali nei confronti della società di revisione che ha certificato i bilanci nel periodo precedente l'aumento di capitale, avvenuto due anni fa. La Pricewaterhouse Coopers S.p.a. è stata infatti citata in giudizio dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Macerata e da altri piccoli azionisti: se condannata, dovrà sborsare un risarcimento di 40 milioni di euro.


di Cristina Carnevali
redazione@viverejesi.it





Questo è un articolo pubblicato il 09-04-2014 alle 19:18 sul giornale del 10 aprile 2014 - 3532 letture

In questo articolo si parla di attualità, jesi, guardia di finanza, banca marche, perquisizioni, cristina carnevali, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/2jo


Proseguono le azioni legali nei confronti della società di revisione che ha certificato i bilanci nel periodo precedente l'aumento di capitale, avvenuto due anni fa. La Pricewaterhouse Coopers S.p.a. è stata infatti citata in giudizio dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Macerata e da altri piccoli azionisti: se condannata, dovrà sborsare un risarcimento di 40 milioni di euro.
Le società devono pagare dei revisori contabili o delle società di revisione per certificare il proprio bilancio. Fra questi professionisti e queste società ci sono fra loro "guerre commerciali" all'ultimo prezzo al di là della normativa e dei minimi tariffari. Inoltre stante la crisi se sei rigido chiaramente rompi e nessuno Ti chiama ma se sei morbido e comprendi hai tanti clienti. E come nelle certificazioni ISO o di qualità sociale, "guerra commerciale" fra gli organi certificatori, e ricerca dell'elasticità, ....poi in Bangla Desh una impresa certificata SA8000, da un organismo italiano, è bruciata con centinaia di morti, o la gomma ISO è esplosa dopo breve utilizzo, .... e la stupidità che il controllato deve pagare il controllore. Chi è obbligato ai controlli deve pagare è il nominativo deve essere scelto, anche casaualmente, fra degli elenchi. Comunque bravi chi ha certificato quei bilanci deve sicuramente risponderne nelle opportune sedi.




logoEV