Controlli ai mezzi pesanti e al trsporto merci: giro di vite della Stradale

Polizia Stradale 2' di lettura 09/04/2014 - Nella giornata di martedì la Polizia Stradale di Senigallia ha dato vita ad una vasta operazione volta al controllo della circolazione stradale e del trasporto merci.

Un rilevante numero di pattuglie ha così dato attuazione agli indirizzi operativi del Compartimento Polizia Stradale Marche e della Sezione Polizia Stradale di Ancona, diretti, rispettivamente, dal Dott. Emilio Guerrini e dal Dott. Alfredo Catenaro. I servizi mirati hanno consentito di controllare circa 70 veicoli, con i relativi conducenti e trasportati: fra questi circa 30 i veicoli adibiti al trasporto di merci. Sono stati anche monitorati alcuni esercizi pubblici di Senigallia più direttamente collegati alla circolazione stradale (officine, autonoleggi, carrozzerie, autoscuole, elettrauto, autosaloni, ecc.) ed è stato eseguito un servizio al porto di Ancona con il Centro di Revisione Mobile, svolto in sinergia con la Motorizzazione Civile Provinciale.

Dai controlli sono state elevate 10 contestazioni, di cui 3 i verbali per uso del cellulare alla guida (160 euro e decurtazione di 5 punti dalla patente di guida), 1 per gruppi ottici anteriori inefficienti (Euro 84) ed 1 per circolazione ingiustificata a centro strada (Euro 41). Nel settore del trasporto merci è stato contestato un sovraccarico ad un autocarro di Monsano per una eccedenza non superiore al 10% della sua massa complessiva (Euro 41 al conducente con decurtazione di 1 punto dalla patente di guida ed Euro 41 al proprietario).

Lungo la 16, in località Marina di Montemarciano, il Personale della Polizia Stradale ha controllato un autocarro condotto da un uomo del 1983, residente a Villa Verucchio (Rimini). Il veicolo, di proprietà di un altro uomo del 1967 di Novafeltria (Rimini), è stato sanzionato per un sovraccarico con una eccedenza superiore a 2 tonnellate (Euro 84 al conducente con decurtazione di 2 punti dalla patente di guida, Euro 84 al proprietario ed Euro 84 al caricatore, una ditta che lavora attualmente in zona). Le Pattuglie hanno anche controllato la cosiddetta ‘tassa d’usura’, cioè l’indennizzo di usura delle strade che tutti i mezzi d’opera devono pagare.

Dai controlli sono stati scoperti alcuni documenti falsi relativi ai bollettini di versamento su conto corrente postale per un importo di 170 euro circa ciascuno. Si è conseguentemente proceduto ad interessare la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ancona, competente per territorio, per la denuncia del conducente e del proprietario.






Questo è un articolo pubblicato il 09-04-2014 alle 17:05 sul giornale del 10 aprile 2014 - 1899 letture

In questo articolo si parla di cronaca, polizia, giulia mancinelli, polizia stradale, stradale, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/2ih





logoEV