Quantcast

Caos al pronto soccorso finisce in Regione, Giancarli chiede 'sicurezza in tutte le strutture'

enzo giancarli 1' di lettura 15/04/2014 - I fatti avvenuti nel pronto soccorso di Jesi non sono accettabili e la Regione deve fare in modo che non avvengano più in tutti gli ospedali delle Marche.

Questo quanto chiesto dal consigliere Pd, Enzo Giancarli, all'apertura dei lavori del Consiglio regionale di martedì.

Partendo dal far west verificatosi venerdì scorso al pronto soccorso di Jesi dove sono stati aggrediti medici, infermieri e 7 operatori sanitari sono rimasti feriti, pazienti e persone in attesa hanno rischiato di essere coinvolte, Giancarli ha detto che: "Non è possibile che le strutture di pronto soccorso siano messe a soqquadro che i sanitari siano aggrediti, che i pazienti del pronto soccorso rischino la loro incolumità".

Giancarli ha chiesto all'assessore Mezzolani che sia immediatamente informato il prefetto, sia chiesta la convocazione del comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza per discutere le misure da adottare nei pronto soccorso, siano istituiti presidi fissi di polizia e di security.

L'Assessore Mezzolani ha risposto che affronterà subito la questione coinvolgendo anche la Commissione consiliare Sanità.


da Enzo Giancarli
Consigliere Pd Regione Marche





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-04-2014 alle 16:42 sul giornale del 16 aprile 2014 - 1101 letture

In questo articolo si parla di cronaca, regione marche, enzo giancarli, pronto soccorso, jesi, feriti, partito democratico marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/2CE





logoEV
logoEV