Quantcast

Lega Arcieri Medioevali Aesis: 'Quando la rievocazione è di casa'

3' di lettura 15/04/2014 - L’Associazione Arcieri Medievali AESIS Milites del Contado di Jesi – Maiolati Spontini, una delle Associazioni fondatrici della Lega Arcieri Medievali – L.A.M. , ed anche facente parte dell’Ente Palio di San Floriano di Jesi, è nata nell’anno 2000 e da sempre ha fatto della ricerca storico-medievale un suo punto fermo di riferimento.

In questi anni tante sono state le conferenze e tutte su argomenti medievali, spaziando dalla medicina, agli incastellamenti, alle erbe officinali, allo studio del cavallo partendo da Federico II con il suo storico ‘Trattato’, alla cucina, alla vita nei borghi e così via.

Di pari passo ha iniziato una ricerca iconografica mirante alla scoperta di aspetti non sempre discussi ma che facevano parte della vita di tutti i giorni, iniziando così un cammino con ‘Freccia’ un, chiamiamolo così, giornalino fatto in casa con argomenti vari che vanno dalle ricette medievali, ai personaggi che hanno con le loro gesta lasciato traccia nella storia, e via di seguito, tante piccole ‘pillole’ per stimolare la conoscenza di chiunque.

Gli Aesis, presso la loro sede operativa di Maiolati Spontini in Via Erard, si ritrovano tutti i sabati dalle ore 16.00 alle ore 20.00 per portare avanti altri aspetti del medioevo, come il tiro con l’arco storico, i tamburi, il maneggio della spada, i balli, tutto ciò sempre mirante alla riscoperta di aspetti legati al cosidettto ‘periodo buio’ che invece è stato tutto fuorche buio, in quanto è proprio del periodo federiciano, ad esempio, il fiorire delle arti mediche.

A tal proposito, presso la Chiesa di San Nicolò a Jesi nei giorni 8 e 9 maggio, nell’ambito del Palio di San Floriano, gli Aesis allestiranno una mostra su armi ed elmi, archi,frecce, punte, vestiario, giochi medievali, piccoli telai per cucito, telai per la rilegatura di libri, strumenti musicali, etc...

L’Associazione, inoltre, cura i propri abiti facendo continue ricerche affinchè si possa essere il più fedele possibile al periodo rappresentato (1100-1300). L’interesse per migliorare le proprie conoscenze è sempre più sentito ed a tal proposito, si è avuta la necessità di approfondire la scherma medievale con un impegno non indifferente di tempo e di energie, di pari passo, a fianco dell’interesse per la rilegatura e il confezionamento dei libri, si è aggiunta la scrittura onciale usata nel periodo.

L’Associazione ha sempre organizzato in vari comuni manifestazioni a carattere nazionale con annesso torneo storico arcieristico, arrivando anche a creare e quindi, di conseguenza, a fare, il campionato nazionale assoluto di tiro con l’arco per città; molto è stato fatto, come così tanto è da fare, la ricerca non si ferma mai in quanto c’è sempre da imparare per migliorarsi e tutti questi approfondimenti arricchiscono il bagaglio culturale di ogni associato e diminuiscono la distanza temporale di quel periodo ai nostri giorni, pieni di tecnologia con la riscoperta della manualità che oggi si stà perdendo e che è quindi sempre più sentita da tutti coloro che hanno il piacere di riscoprire le radici da cui provengono e, quando il fine ultimo, oltre alla riscoperta del medioevo è anche lo stare assieme in amicizia, nulla è precluso: gli arcieri medievali Aesis continueranno il loro cammino con la semplicità e la voglia di fare e di mettersi in gioco che li hanno sempre distinti.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-04-2014 alle 17:28 sul giornale del 16 aprile 2014 - 1561 letture

In questo articolo si parla di attualità, jesi, Lega Arcieri Medioevali

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/2Dh





logoEV
logoEV