Quantcast

Lasciti, in mostra il reportage fotografico di Tesei nella zona di Fukushima

L'installazione video-fotografica di Tesei su Fukushima 1' di lettura 24/04/2014 - “Lasciti” è un’installazione video/fotografica di Alessandro Tesei che è possibile visitare sabato 26 aprile, al Teatro Valeria Moriconi in piazza Federico II, a partire dalle 21.

E’ inserita nei più ampi contenitori “Remarcheble” e “Jes!”, che daranno vita ad una serata ricca di eventi artistici multimediali.

Alessandro Tesei racconta con i suoi scatti l’abbandono delle città nella zona proibita intorno alla Centrale Nucleare di Fukushima, danneggiata dallo tsunami dell’ 11 marzo 2011. E’ una riflessione su ciò che lasciamo dietro di noi, sia nella percezione del presente ed in senso materiale, inteso come rovina, come “non più luogo”, sia in prospettiva futura, su ciò che lasciamo all’umanità con azioni dissennate, causando devastazione e contaminazione mortale, che sarà espresso nella parte video dell’installazione.

Il suo lavoro di ricerca è continuo e trova espressione nel blog che cura personalmente ed in cui si raccontano molti luoghi abbandonati italiani (www.ascosilasciti.wordpress.com), nell’associazione che sta contribuendo a formare a tutela dei posti dimenticati (P.L.A.I.), e soprattutto nella sua continua esplorazione delle zone più inquinate del pianeta, in collaborazione con la Onlus umanitaria “Mondo in Cammino“, (www.mondoincammino.org) al quale potrete devolvere il vostro 5x1000, e con la Sydonia, casa di produzione marchigiana con la quale firmerà una serie di documentari sulla contaminazione massiccia in varie parti del mondo, assieme al fotoreporter Pierpaolo Mittica e al ricercatore Michele Marcolin.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-04-2014 alle 12:20 sul giornale del 26 aprile 2014 - 1569 letture

In questo articolo si parla di cultura, jesi, mostra fotografica, reportage, teatro valeria moriconi, fukushima, alessandro tesei

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/24c





logoEV
logoEV