Mangialardi sulla festa della Rotonda: 'Stop alle notti bianche, ora solo cultura'

maurizio mangialardi 3' di lettura 08/07/2014 - Basta con le notti bianche, d'ora in poi la spiaggia di velluto celebrerà solo la Festa della Rotonda. Il sindaco Maurizio Mangialardi mette un freno alla movida sregolata e “ridimensiona” quello che dal 2004 era diventato l'appuntamento più atteso dell'estate.

La Notte della Rotonda quest'anno cambia target e data. Non più di sabato, tanto per cominciare. Dalla riapertura, la Notte della Rotonda ha assunto negli anni un crescendo di partecipazione e di coinvolgimento con migliaia di spettatori che affollavano il lungomare fino all'alba con la data fissa stabilita nel secondo sabato di luglio. Le ultime due edizioni hanno sono però state caratterizzate da eccessi e bagordi alcolici che hanno coinvolti soprattutto giovannissimi, alle prese con coma etilici e pseudo collassi tra la spiaggia e il lungomare. Tanto che all'alba il litorale si presentava come un vero e proprio campo di battaglia.

“Quel tipo di target che aveva assunto la Notte della Rotonda andava intorrotto -spiega il sindaco Maurizio Mangialardi- avevo preso questa decisione già lo scorso anno, all'indomani dell'ennesima notte di eccessi alcolici che aveva coinvolto soprattutto i giovanissimi. E' vero che quella festa radunava migliaia di persona ma il prezzo da pagare era diventato troppo alto. All'alba il lungomare era ridotto un disastro per non parlare del nostro pronto soccorso intasato dai ragazzi collassati per l'ubriachezza”.

Una battaglia, quella contro l'uso di alcoli da parte dei minori di cui si era fatto portabandiera lo stesso primo cittadino che proprio lo scorso anno aveva introdotto un'ordinanza che vieta anche il trasporto di alcolici all'interno di zaini e sacche. Un provvedimento che aveva emesso anche multe nei confronti dei genitori di alcuni ragazzi beccati proprio in occasione della notte della Rotonda con alcolici al seguito. “Non voglio più sentire parlare di notte bianca -prosegue Mangialardi- né di caos né di ragazzi ubriachi. Non lo vogliamo né ce lo possiamo permettere. Vogliamo il divertimento sicuro nel rispetto delle regole. Non possiamo permetterci controlli a tappeto contro l'uso di alcolici da parte dei minori né vogliamo procedere sistematicamente con denunce e multe. Senigallia è una città che offre costantemente occasioni di svago anche per la movida notturna e per i giovani ma non più in occasione della Notte della Rotonda”.

Ecco allora che il target cambia. Da notte bianca si trasforma in una notta dedicata alla cultura, senza deroghe alla riproduzione di musica né agli orari per lo stop ai balli. “La Festa della Rotonda è un evento dedicato a celebrare l'edificio simbolo del turismo della costa Adriatica -conclude il primo cittadino- e va innalzato il target culturare della manifestazione. Saranno aperti fino all'alba ma solo i musei e le mostre allestite in città. Sarà così l'occasione, ad esempio, per visitare la mostra sul Perugino La Grazia e la Luce allestita a Palazzo del Duca, oppure visitare l'area archeologica La Fenice”. La Festa della Rotonda, prevista per venerdì a partire dalle 21, non concede dunque spazio a deroghe per la musica. I locali del lungomare proporranno dunque la consueta movida del venerdì, con la musica che obbligatoriamento dovrà stopparsi alle 3 di notte.






Questo è un articolo pubblicato il 08-07-2014 alle 23:45 sul giornale del 09 luglio 2014 - 13805 letture

In questo articolo si parla di attualità, maurizio mangialardi, giulia mancinelli, articolo e piace a michele eneabartolini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/6Yd





logoEV