Senigallia: premiati i Comuni ricicloni, 30 comuni anconetani superano il 65% di raccolta differenziata

3' di lettura 18/07/2014 - Cresce ancora la raccolta differenziata nella Provincia di Ancona. Sono ben 30 i comuni della Provincia che si sono aggiudicati il titolo di “Comune Riciclone per la Regione Marche 2014” superando il 65% di raccolta differenziata nell'anno 2013, percentuale prevista dalla legge.

Numeri da record che vedono il Comune di Serra de' Conti e Castelfidardo superare la soglia dell'80% di rifiuti sottratti alla discarica (81,62% e 80,00%) e aggiudicarsi il “Premio Speciale Comuni Ricicloni per la Regione Marche – edizione 2013”. Eccellenti anche i risultati dei comuni di Sassoferrato (79,87%), Monte San Vito (77,28%), Montemarciano (76,63%), Numana (75,87%), Cerreto d'Esi (74,52%), Chiaravalle (74,21%), Fabriano (72,61%), Camerano (71,82%), Santa Maria Nuova (71,39%), Agugliano (71,13%), Monterado (71,03%), Offagna (70,27%) che superano il 70%.

Premiati anche i comuni di Ripe (68,85%), Ostra (68,21%), Camerata Picena (68,15%), Barbara (68,14%), Polverigi (68,13%), Castelleone di Suasa (68,05%), Filottrano (67,51%), Corinaldo (67,30%), Rosora (67,29%), Ostra Vetere (67,27%), Maiolati Spontini (67,09%), Osimo (67,01%), Jesi (66,76%), Loreto (65,56%), Belvedere Ostrense (65,09%) e Senigallia (65,08%).

Sono state consegnate anche 3 menzioni speciali: al Comune di Ancona per “città con popolazione superiore agli 80mila abitanti che ha raggiunto e superato il 63% di raccolta differenziata”; al Comune di Belvedere Ostrense per “aver effettuato un sistema di raccolta porta a porta integrale ed aver raggiunto il valore di produzione pro capite più basso dell'Ata di Ancona (283 kg ab/anno) nel 2013”; al funzionario del Comune di Monte San Vito Luciano Paialunga per “il contributo che quotidianamente fornisce allo sviluppo della qualità dei servizi con una vigilanza costante, anche fuori dall'orario lavorativo”.

Oltre al premio in denaro messo in palio dalla Regione Marche, i comuni più virtuosi hanno ricevuto in donazione anche un elettrodomestico ricondizionato, messo a disposizione dalla ditta Adriatica Green Power.

Sono 103 i Comuni marchigiani che hanno superato il 65% di raccolta differenziata prevista dalla legge nell'anno 2013 e che si aggiudicano i 92mila euro messi in palio dalla Regione Marche oltre che una targa ricordo realizzata in materiale riciclato dalla Ludoteca del Riuso.

Il premio economico è stato calcolato in base alla percentuale di raccolta differenziata e al numero di abitanti, con particolare attenzione ai Comuni che hanno superato la soglia dell' 80% e i 30mila abitanti.

Una Provincia che investe fortemente sulla raccolta differenziata come dimostrano i dati della Regione Marche secondo cui la percentuale di raccolta differenziata nel territorio anconetano, nel 2013, ha toccato il 65,18%. Cifra superiore alla media regionale che, nello stesso anno, è stata del 60,27%. Inoltre, dal 2012 al 2013 l'incremento provinciale dei rifiuti raccolti in maniera differenziata è stato del 4,21%.

La premiazione, che si è tenuta a Senigallia, è stata promossa da Regione Marche e Legambiente Marche con la collaborazione del Comune di Senigallia, Provincia di Ancona, Ata Rifiuti Ancona e Ludoteca del Riuso Riù; con il patrocinio e contributo di Comieco, Ricrea e Sartori Ambiente; con il patrocinio di Conai, Consorzio Italiano Compostatori, Consorzio Imballaggi Alluminio, CoReVe, Corepla, Rilegno, Uncem Marche, Anci Marche e ARPAM.

Hanno partecipato alla premiazione, oltre ai sindaci e assessori dei comuni vincitori, anche il Sindaco di Senigallia Maurizio Mangialardi, il Presidente dell'Assemblea Territoriale d'Ambito – ATO2 Ancona Patrizia Casagrande Esposto, l'Assessore all'Urbanisitica del Comune di Senigallia Simone Ceresoni, il presidente di Legambiente Marche Luigino Quarchioni, l'Assessore all'Ambiente del Comune di Serra de' Conti Elena Brugiaferri.








Questo è un articolo pubblicato il 18-07-2014 alle 17:38 sul giornale del 19 luglio 2014 - 974 letture

In questo articolo si parla di raccolta differenziata, legambiente, senigallia, serra de' conti, legambiente marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/7p7


N.H.m.u.

20 luglio, 11:05
Commento sconsigliato, leggilo comunque

N.H.m.u. i signori che vengono a Senigallia portano soldi sia ai ristoranti che parcheggi e quant'altro Senigallia offra.
I cestini possono risultare pieni una volta, la volta successiva spetta al Comune ospitante e che incassa i loro soldi a fare in modo tale che non ci sia più quello schifo che giustamente fai notare. Quindi dimensionare i bidoni per la mole di utenza e magari anche differenziarli. Questo si chiama SERVIZIO a chi OSPITA e anche se vanno in spiaggia libera comunque lasciano dei soldi.
Pertanto Campanile e company si deve dar da fare perchè il disservizio o lo schifo va bene la prima volta in quanto non sai quanta monnezza può arrivare ma poi devi darti da fare.
Quindi coloro che vengono dall'entroterra NON HANNO NESSUNA COLPA ....compreso ?

A disposizione

paolofiore

N.H.m.u.

20 luglio, 22:41
Commento sconsigliato, leggilo comunque

Vanno puniti tutti coloro che abbandonano i rifiuti nell'ambiente ma va punito anche il Comune che non organizza in maniera efficiente i sistemi di raccolta.
Non credo che si portino da casa la loro immondizia maleodorante....per cortesia; cerchiamo di usare questo bel strumento del "commento" per cercare di dare una mano o spronare chi dovrebbe migliorare le cose; il resto e meglio tenerselo per sè.