Quantcast

Jesi in rima, l'ispirazione di Marinella Cimarelli è sempre pulsante!

1' di lettura 06/08/2014 - Torna l'appuntamento con Jesi in rima, quello del mercoledì. La poesia racconta in dialetto jesino come la nostra poetessa sia sempre in vena di scrivere... e coinvolgere i lettori. Questa poesia fa da apripista ad una novità che la redazione svelerà presto: un regalo per le vacanze ai lettori di Vivere Jesi...





Me scappa la rimetta
pure scì non vòjo...
me scòcca la scintilla
quànno al volo còjo
la paroletta magica
che sòna con quell'altra,
ammò c'ho preso 'l vizio
e me sò fatta scaltra!

Cògito tutto 'l giorno
qualche posso rimà
me viè proprio de getto
non c'è niente da fà!

Scrivo tutto in prosa
e penso in poesia...
dalle luci dell'alba
al tramonto che sia,
un cielo azzurro e chiaro
un bel raggio di sole
per me diventa subbìdo
un fiume de parole...

Io le sciorino al vento
che carezza l'aria,
le lasso volteggià
nà cosa straordinaria...

Me pare de volà
sopra l'orizzonte,
me s'allarga 'l còre
e me trovo di fronte
'n personaggio nòvo
c'ha viaggiàdo tanto
c'ha toccàdo i Porti
cò n'Angelo accanto....

Perchè quànno la rima
me scàppa dal còre
sò proprio convinta
la mano del Signore
me sfiora la fronte...
me stà sempre vicino
e non me lassa più
pòro Gesù bambino!

Ché giusto quann'è nàdo
c'avéa tre pastorelli
e era tutto nudo
in mezzo ai pagnarelli
umili e cenciosi
nté nà notte stellàda
dìde nà preghierina
e chiudo stà cantàda!


di Cristina Carnevali
redazione@viverejesi.it





Questo è un articolo pubblicato il 06-08-2014 alle 22:33 sul giornale del 07 agosto 2014 - 1617 letture

In questo articolo si parla di cultura, poesia, jesi, poesie, cristina carnevali, articolo, marinella cimarelli, jesi in rima

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/8h1

Leggi gli altri articoli della rubrica Jesi in rima





logoEV