Quantcast

Jesi in rima: Marinella Cimarelli cala il tris di poesie sulle fiere di San Settimio

Fiere di San Settimio edizione 2013, Piazza della Repubblica 3' di lettura 03/10/2014 - L'edizione 2014 delle fiere di San Settimio si è conclusa giusto una settimana fa, e per onorare l'appuntamento del sabato con la rubrica di poesie in dialetto jesino, la poetessa Marinella Cimarelli cala il tris: tre appunto sono le poesie dedicate alla festa del santo Patrono.



LE BANGARELLE
In giro pè le fiere me vojo straginà
e mandole e croccanti
... magnànne a volontà.
I piedi m'ha da dòle
per quanto ho caminado
è quello che ce vòle
sci vòi vedè 'l mercado!
E ssà che me li spendo
na mucchia de guadrì
ma tanto non m'arendo
me vojo divertì..
Conoscio tutti i sidi,
le varie postaziò,
finchè non è partidi
è chiara la questiò,
li giro tutti quanti
smucino tra la robba
da le mutande ai guanti
m'ha da venì la gobba!
Quanno me sò straccada
'n boccò me metto a sede
magno na bella piada
farcìda da non crede...
Finido de magnà
me rfò n'antro giretto
e tanto pè cambià
ce metto ancò 'l dolcetto.
C'è quelli a Porta Valle
che te fà na piadina
che non pòi scordalla
dalle fiere dell'anno prima!
Insomma è na cuccagna
sse fiere de San Settì
Sbrigadeve che se magna
venide tutti chì....

STRAGINANDOSE PE' LE BANGARELLE
Stasera me sò girada
tutte le bangarelle
finchè me sò straccada
persino de vedelle..
... Ho magnado le patatine,
nà crepes cò la nutella,
comprado dù mutandine
na canottiera e nà padella.
Ho 'ncontrado amici
parenti e chissà chì,
gioiosi e felici
de rtroasse lì..
C'è voludo 'l coraggio
era tutto nò spintò
m'è bastado l'assaggio
da giù 'l viale de la staziò..
Pè troà 'n parcheggio
m'ha piado le sudarelle,
per me giuppe 'l moreggio
dovrìa mette le bangarelle!
Sparse sul lungofiume
che costeggia l'Esino
colorade come le piume
de n'allegro uccellino..
Ce vedrìa le lucette
i fanali e i lampiù
illuminà tra le fratte
i tegami e i bijoux.
Mettela come te pare
ma Jesi è carina,
je manga solo 'l mare
a stà bella cittadina.
E quanno se rimpopola
de gente curiosa,
che tutto te smanòpola
cercanno qualchiccosa
tra mezzo le viuzze
'l periodo de San Settì
è come le piedruzze
de 'n prezioso collanì!!!

LA PAGNOTTELLA
O gente me sò ngrassàda
che pàro na pagnottella
ma la colpa non è stada
del pà cò la mortadella.
La colpa è de le Fiere
ndò me sò strascinada
tanto che le vòleo vede
da famme na straccada!
E adè io que je rconto
al Dietologo giovedì
sci sù la bilancia monto
me pija 'n colpo lì..
'Signora' lù me dirà,
col fare suo garbado,
'la colpa di che sarà?'
Je dirò 'del gelado'...
La crèpes cò la nutella
altro che 'l gelatì
me piace tanto magnalla
quanno ariva San Settì...
Mettece el ventisette
che ho finido l'anni,
le cene c'ho da mette
‘ccidenti ai compleanni!
Me pare da sentillo
'Non si preoccupi signora
è solo un campanello
d'allarme, allora allora...
vediamo di rigar dritto
a partire da domani
cominci col brodetto
zucchine e melanzani
aggiunga minestrina
il lesso, lo stufato
insalate e carotina
e il peggio sarà passato'.
Mannaggia a la miseria
sò messa proprio bè
è brutta chì la storia
non se pò magnà niè|!
Cucì n'altra olta mparo
ingorda e screanzada
coraggio somarò
che stà Fiera è passada....


di Cristina Carnevali
redazione@viverejesi.it





Questo è un articolo pubblicato il 03-10-2014 alle 19:56 sul giornale del 04 ottobre 2014 - 2286 letture

In questo articolo si parla di attualità, jesi, poesie, fiere di san settimio, cristina carnevali, articolo, marinella cimarelli, jesi in rima e piace a Valiu

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/0zm

Leggi gli altri articoli della rubrica Jesi in rima





logoEV
logoEV