Quantcast

Ospedale Urbani, la Fondazione Carisj dona il blocco ospedaliero all'Asur

2' di lettura 21/10/2014 - Ieri alle ore 10,00 presso la sede della Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi, si è perfezionato con la sottoscrizione dell’atto notarile da parte del Presidente della Fondazione, Alfio Bassotti, ed il Direttore Generale dell’ASUR Marche, Gianni Genga, il complesso e articolato iter che ha condotto alla donazione da parte della Fondazione CRJ del blocco operatorio a servizio del nuovo Presidio Ospedaliero “Carlo Urbani” di Jesi all’ASUR Marche.


Ultimati i lavori per la realizzazione, il blocco operatorio è stato presentato ufficialmente il 5 luglio scorso. Successivamente nel corso dell’estate sono state condotte, e concluse positivamente, tutte le verifiche di conformità ed i collaudi funzionali sulle complesse tecnologie sanitarie e impiantistiche presenti all’interno delle sale operatorie.

Lo scorso 16 ottobre è stato emesso il certificato finale di collaudo tecnico dell’intera opera, attestante che i lavori, eseguiti dall’ATI guidata dalla Società DRAEGER MEDICAL ITALIA S.p.A., sono stati completati in ogni loro parte, eseguiti a regola d’arte, aderenti alle normative sanitarie vigenti e perfettamente funzionanti.

Il nuovo blocco operatorio, interamente finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi e dalla stessa appaltato con procedura ad evidenza pubblica cui hanno partecipato i 3 leader mondiali del settore, è costituito da sei sale chirurgiche con annessi accessori e servizi, di cui cinque completamente attrezzate con tecnologie all’avanguardia.

Il contenuto tecnologico voluto dalla Fondazione CRJ per il blocco operatorio di Jesi è oggettivamente poderoso e caratterizzato dalla cosiddetta “ALTA INTEGRAZIONE” dell’intero blocco, ovvero perfettamente allestito per la registrazione e la distribuzione streaming di tutti i segnali video 3D presenti in una sala operatoria dedicata ed allo scopo attrezzata. Ciò darà sicuramente ulteriore impulso e maggiori performance alle attuali e moderne tecniche laparoscopiche, già diffusamente impiegate da anni dalla chirurgia jesina.

Tale donazione, del valore complessivo di € 2.650.000,00 consentirà certamente di garantire la piena e razionale funzionalità del nuovo ospedale cittadino, ad oggi già parzialmente operativo, e che entro il prossimo mese di novembre vedrà la sua definitiva entrata in funzione a pieno regime.


da Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-10-2014 alle 15:54 sul giornale del 22 ottobre 2014 - 1344 letture

In questo articolo si parla di attualità, jesi, fondazione cassa di risparmio di jesi, donazione, alfio bassotti, gianni genga, ospedale carlo urbani, asur area vasta 2, blocco operatorio

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aanw





logoEV
logoEV