x

SEI IN > VIVERE JESI > ATTUALITA'
comunicato stampa

Decreto 'Sblocca scuola', fondi anche a Jesi per i lavori alla Garibaldi. In arrivo oltre 350mila euro

2' di lettura
1324

da On. Piergiorgio Carrescia
Deputato del Partito Democratico


Scuola

E’ stato pubblicato il decreto del Presidente del Consiglio che, in attuazione dello “Sblocca Italia”, assegna a 128 Comuni spazi di patto di stabilità interno per il 2014 per quasi 200 milioni di euro.

Nelle Marche i comuni beneficiari sono: Jesi (messa in sicurezza della Scuola primaria Garibaldi - Plessi A e B per 355.000 euro), Tolentino, Loro Piceno, Cartoceto, Tavullia, Porto San Giorgio.

Lo sblocco del patto consentirà il finanziamento e l’esecuzione di 269 opere ritenute prioritarie dalle amministrazioni comunali.

Il decreto è l’atto conclusivo della procedura avviata lo scorso 2 giugno dal Presidente Matteo Renzi con la lettera in cui invitava i Sindaci “a segnalare al governo una caserma bloccata, un immobile abbandonato, un cantiere fermo, un procedimento amministrativo da accelerare nel loro comune”.

Alla Presidenza sono giunte, dal 2 al 16 giugno – termine ultimo indicato nella lettera – 1.467 richieste. Tra queste, 333 riguardavano lo sblocco del patto di stabilità interno.

Come previsto dal decreto “Sblocca Italia”, il Dipartimento per il coordinamento amministrativo ha quindi proceduto a individuare i comuni beneficiari dell’esclusione e l’importo dei pagamenti da escludere, secondo tre criteri: le opere alle quali si riferiscono i pagamenti dovevano essere state preventivamente previste nel Piano Triennale delle opere pubbliche (o dovevano essere d’importo inferiore a 100.000 euro e quindi esenti dall’obbligo d’inserimento nel Piano); i pagamenti dovevano riguardare opere realizzate, in corso di realizzazione o per le quali fosse possibile l'immediato avvio dei lavori da parte dell'ente locale richiedente; i pagamenti per i quali viene richiesta l'esclusione del patto di stabilità devono essere effettuati entro il 31 dicembre 2014.

In seguito all’istruttoria sono state dichiarate inammissibili 64 domande. Tutte le altre sono state invece accolte per l’intero importo. "E' una bella notizia che dimostra che il Governo Renzi sta mantenendo gli impegni assunti, l'importanza che dà alla scuola e al rilancio anche dell'attività edilizia".



Scuola

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-11-2014 alle 12:29 sul giornale del 03 novembre 2014 - 1324 letture